Ottobre 1, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La morte di Gorbaciov: tributi vivi in ​​Occidente, reazioni in contrasto con quelle di Putin

I sentimenti delle reazioni occidentali contrastano con la sobrietà del presidente russo Vladimir Putin, che ha espresso le sue “calde condoglianze” e che “invierà (mercoledì) in mattinata un telegramma di condoglianze alla famiglia e ai propri cari” dell’ex leader, ha disse. portavoce del Cremlino.

In una dichiarazione, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha elogiato Mikhail Gorbaciov definendolo un “leader raro”. Biden ha detto che le sue azioni erano quelle di un leader che aveva abbastanza “l’immaginazione per vedere che un altro futuro è possibile e il coraggio di rischiare l’intera carriera per realizzarlo. Il risultato è stato un mondo più sicuro e una maggiore libertà per milioni di persone”.

“Mikhail Gorbaciov sarà ricordato nella storia come un gigante che ha guidato la sua grande nazione alla democrazia”, ​​ha affermato l’ex segretario di Stato James Baker, che ha guidato la diplomazia statunitense dal 1989 al 1992.

Per il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres, “Il mondo ha perso un formidabile leader globale, impegnato nel multilateralismo e un instancabile sostenitore della pace”.

Il segretario generale delle Nazioni Unite, in una dichiarazione, ha elogiato “l’unico statista che ha cambiato il corso della storia” e ha fatto “più di chiunque altro per porre fine pacificamente alla Guerra Fredda”.

Il primo ministro britannico Boris Johnson ha twittato: “Ho sempre ammirato il coraggio e l’integrità che ha mostrato per porre fine alla Guerra Fredda”. “In un momento dell’aggressione (Vladimir) di Putin contro l’Ucraina, il suo instancabile impegno per l’apertura della società sovietica rimane un esempio per tutti noi”, ha insistito.

Per Emmanuel Macron, Mikhail Gorbaciov era “un uomo di pace le cui scelte hanno aperto la strada alla libertà per i russi. Il suo impegno per la pace in Europa ha cambiato la nostra storia comune”, ha sottolineato il presidente francese in un tweet su Twitter.

READ  Per evitare una carenza, il Quebec fa affidamento sulle sue riserve strategiche di sciroppo d'acero

La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha elogiato su Twitter un “leader affidabile e rispettato” che “ha svolto un ruolo decisivo nel porre fine alla Guerra Fredda e nell’abbattere la cortina di ferro. Ha aperto la strada a un’Europa libera”, ha affermato.

Quanto a Charles Michel, ha anche risposto. “Un uomo che ha dedicato la sua vita al servizio pubblico con un profondo impegno per la pace e la libertà”, ha affermato il presidente del Consiglio europeo.

Per l’ex presidente colombiano e vincitore del Premio Nobel per la Pace 2016, Juan Manuel Santos, Mikhail Gorbachev, che ha ricevuto lui stesso il Premio Nobel nel 1990, è stato un “eroe della pace”. “Il mondo ha bisogno di più leader come lui”, ha scritto su Twitter.