Maggio 16, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“La migrazione degli operatori sanitari… una vera minaccia”

– Il Ministro della Salute e della Protezione Sociale, Khaled Ait Taleb, ha affermato la scorsa settimana che gli ospedali marocchini stanno affrontando una “carenza acuta” di 32.000 medici e 65.000 infermieri.Come siamo arrivati ​​a questa carenza?

– Non abbiamo abbastanza istituzioni per formare medici in Marocco. Il ministero ha pianificato di formare 3.000 medici all’anno, ma stiamo raggiungendo solo 1.200 medici e pochi all’anno. In Marocco, quindi, stiamo formando meno medici del previsto, ed è questo il motivo principale di questa carenza annunciata da Ait Taleb.

Il problema che si pone e che aggrava questa carenza sono le condizioni di lavoro dei medici. In effetti, l’insoddisfazione per il lavoro dei medici è uno dei fattori della loro emigrazione, quindi dobbiamo migliorare le condizioni del personale medico in Marocco, in modo che non viaggi più, attualmente abbiamo, non lo faremo – come in Francia, 7000 medici , e all’estero 14.000 medici.

– In che modo la legge che consente ai medici stranieri di esercitare in Marocco migliorerà i servizi medici in Marocco? Ci sono paesi presi di mira dal Marocco?

– Finora non ci sono paesi specifici interessati dalla nuova legge, gli incentivi sono aperti a tutti i paesi in modo efficace con l’obiettivo di migliorare i servizi medici in Marocco. Il miglioramento del sistema sanitario implica l’aumento e il rafforzamento dell’offerta medica. In Marocco, infatti, le difficoltà e le disparità nell’accesso ai beni e ai servizi sanitari sono evidenti, quindi questa legge mira a sostenere la politica pubblica per l’accesso alle cure e fa parte dello sforzo pubblico per ridurre le disuguaglianze.

Il miglioramento delle condizioni di lavoro dei medici è condizione indispensabile per potenziare l’offerta di assistenza sanitaria ai medici di medicina generale e agli altri specialisti secondo le esigenze delle regioni. Oggi, noi su 640 medici marocchini ogni anno viaggiamo all’estero, ma a parte la fuga dei cervelli, il mancato ritorno degli studenti marocchini che hanno studiato medicina all’estero è un vero problema che si pone e aumenta la carenza di personale medico di cui soffre il nostro Paese.

READ  una carenza cognitiva accélérée sur le long terme ?

Oggi i medici marocchini che hanno studiato all’estero hanno la possibilità di tornare in qualsiasi momento, ma non tornano, e c’è da chiedersi perché.

– Quindi, il Marocco esporta le sue competenze, anche se soffre di un’enorme carenza di infermieri. Come si spiega questa situazione contraddittoria? Pensa che ci sarà un’altra legge che regolerà la pratica degli infermieri stranieri in Marocco?

Infatti, mentre il nostro Paese ha una notevole carenza di infermieri, sempre più competenze scelgono altri Paesi. Attualmente ci sono molte agenzie in Marocco che stanno reclutando infermieri marocchini a beneficio delle istituzioni sanitarie in molti paesi, in particolare in Germania. Questi processi si riferiscono ai vincitori nelle scuole pubbliche e ai vincitori nel settore privato.

Piuttosto, il livello dei salari e la difficoltà di esercitare la professione sono tra le ragioni principali della migrazione degli infermieri. È quindi necessario sviluppare soluzioni integrate di gestione delle competenze e sistemi di incentivazione che rendano confortevole l’esercizio del personale medico, comprese le coperture previdenziali e le eque aliquote contributive applicabili all’assicurazione sanitaria obbligatoria (AMO), per l’intero settore liberale.

La globalizzazione della salute può essere vista in molti modi, in particolare i flussi di emigrazione di medici e infermieri. In che modo la migrazione del personale medico marocchino incide sullo sviluppo economico e sociale del nostro Paese?

L’obiettivo ultimo dello sviluppo economico e sociale è il benessere umano e la salute ne è una componente essenziale. I progressi nello sviluppo sociale sostenibile influiscono sullo stato di salute della popolazione. Energia umana, buona salute e creatività sono i motori dello sviluppo e una popolazione attiva che dovrebbe essere in buona salute. La salute deve essere un principio guida nel quadro più ampio dello sviluppo sostenibile.

READ  Lunghi periodi di celibato influiscono sulla salute degli uomini

Di conseguenza, le infrastrutture sanitarie, l’offerta medica e la qualità dell’offerta assistenziale devono essere adeguate e la popolazione del Marocco deve godere della stessa sicurezza sanitaria dei paesi sviluppati, e non dobbiamo confrontarci con paesi meno sviluppati di noi, ma piuttosto a quelli con i più alti standard in medicina. Tuttavia, l’attuale carenza, che colpisce il sistema sanitario del nostro Paese, ostacola il raggiungimento di questo obiettivo.

Grazie al grande afflusso di scambi, rimesse e investimenti, il ciclo economico in Marocco è sempre più sincronizzato con le principali economie globali e l’approvvigionamento medico deve essere presente. Inoltre, gli operatori sanitari sono una componente fondamentale per il miglioramento della salute della popolazione e quindi per lo sviluppo economico e sociale dei paesi in via di sviluppo.

Pertanto, la crescita dell’immigrazione di professionisti sanitari registrati può diventare una vera minaccia per il sistema sanitario in Marocco, in quanto paese in via di sviluppo.

– Come organizzare i flussi migratori nel settore sanitario? I paesi di destinazione dovrebbero adottare principi di condivisione dei benefici nel reclutamento internazionale?

– Va notato che a livello del processo di reclutamento del personale infermieristico e sanitario straniero, i marocchini sono privilegiati per la loro competenza riconosciuta a livello internazionale e il loro comportamento corretto. È difficile limitare l’impiego di infermieri o medici, a meno che non vi sia un accordo formale con il Paese di partenza.

Tuttavia, al fine di dissuaderli dall’emigrare e quindi risolvere il problema della disabilità, è necessario, nell’ambito del dialogo sociale, assicurare le condizioni di benessere a tale pratica, in particolare la revisione delle indennità a domanda verso l’alto, a – contatto, responsabilità e rischio.