Ottobre 1, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La medusa immortale che può aiutarci a invecchiare meglio

pubblicato

ScopertaLa medusa immortale che può aiutarci a invecchiare meglio

Questo animale è letteralmente in grado di rigenerarsi. I ricercatori hanno identificato i geni che lo consentono, aprendo strade alla medicina rigenerativa umana.

La medusa immortale può trasformarsi di nuovo in un polipo che riporterà indietro la medusa adulta.

wikilink

Medusa Turritopsis dohrnii È un animale straordinario. È davvero biologicamente immortale. È in grado di fare quello che fa Brad Pitt in “Benjamin Button”: ringiovanire. Questa medusa inizia come un piccolo polipo che diventa una medusa. Ma questo tipo è in grado di invertire il processo e diventare di nuovo un tumore.

Tutte le strutture che poi si formano scompaiono in una massa opaca prima di trasformarsi di nuovo in meduse, spiegano i ricercatori nel diario. PNAS. Per capire come farlo, questi scienziati spagnoli hanno studiato le differenze genetiche tra questa specie e Turritopsis rossa che non è cresciuto.

fermare il suo sviluppo

Hanno scoperto che l’immortalità ha il doppio dei geni protettivi e di interesse nel suo DNA, permettendogli di rallentare il degrado delle sue cellule. Poi hanno scoperto che il processo di rigenerazione era dovuto a una modificazione genetica che permetteva di silenziare i geni dello sviluppo. Pertanto, le meduse possono riportare le loro cellule allo stadio primitivo e quindi riattivare queste cellule figlie e specializzarsi nuovamente.

Questi animali lo fanno quando vengono feriti o quando il loro ambiente si deteriora, per riprendere la loro vita in seguito. Tuttavia, queste meduse hanno predatori, il che non le rende completamente immortali.

Secondo Maria Pascual Turner, autrice principale dello studio, i geni identificati dal suo team potrebbero essere rilevanti per l’uso nella medicina rigenerativa umana e fornire informazioni sulle malattie legate all’età o sul cancro. “Il prossimo passo è esplorare queste varianti genetiche nei topi o negli esseri umani”, afferma. nuovo mondo.

READ  Troppo debole, Cyril Gibault teme operatori sanitari non vaccinati