Luglio 5, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La guerra in Ucraina: “Verrà un giorno in cui il numero delle vittime, anche per la Russia, diventerà inaccettabile”

I russi affermano di aver “completamente liberato” le aree residenziali di questa città strategica per controllare l’intero bacino carbonifero del Donbass nell’Ucraina orientale.

“Il sequestro della sua zona industriale e delle località vicine continua”, ha detto martedì il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu in un raro briefing televisivo.

Inventario contestato da kyiv. Lo stato maggiore ucraino ha confermato mercoledì mattina che “i nostri soldati sono riusciti a respingere l’attacco nella città di Severodonetsk”, aggiungendo che la Russia sta intensificando le sue operazioni a Bakhmut, nella regione di Donetsk.

“È molto difficile mantenere Sverodonetsk”, ma questo è stato riconosciuto il giorno prima Sergeyuk Gaidich, governatore della regione di Lugansk, che, insieme al territorio di Donetsk, costituisce il Donbass. In effetti, il signor Gaïdaï parla di “missione impossibile”.

E il governatore ha detto: “Tutte le forze e tutte le riserve sono mobilitate dal nemico, l’esercito russo, per tagliare la strada principale Lyschansk-Bakhmut per impadronirsi di Severodonetsk. Stanno bombardando Lyschansk molto violentemente”.

“Necessità vitale di armi”

Le città di Severodonetsk e Lyschansk, separate da un fiume, formano l’ultimo agglomerato ancora sotto il controllo ucraino nella regione di Lugansk. Il loro arresto aprirà la strada a Kramatorsk, una grande città nella regione di Donetsk, per i russi.

Da parte sua, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha sottolineato nel suo video discorso quotidiano di martedì sera che “la situazione sul fronte non è cambiata in modo significativo nelle ultime 24 ore” e che “l’assoluta eroica difesa del Donbass continua”.

Per questo motivo, i soldati ucraini hanno un “bisogno vitale di armi pesanti in grado di resistere all’artiglieria nemica”, si è chiesto Gidad, sostenendo che “l’artiglieria occidentale”.

READ  Per gli Stati Uniti l'Europa non è più un'area prioritaria

Kiev afferma già di aver inflitto pesanti perdite alla sua conquista. Zelensky ha detto martedì sera che “più di 31.000 soldati russi sono stati uccisi in Ucraina”. “Dal 24 febbraio, la Russia ha pagato per questa guerra assolutamente assurda quasi 300 vite dei suoi soldati ogni giorno. Ma verrà il giorno in cui il numero di morti e feriti per la Russia diventerà inaccettabile”.

Non esiste un record verificabile. Tuttavia, il leader separatista filo-russo Denis Pushlin ha confermato l’uccisione del generale russo Roman Kutuzov martedì. Diversi generali russi sono stati uccisi da febbraio, ma Mosca parla raramente delle sue perdite.

Le due parti in guerra si accusano a vicenda di distruggere le risorse cerealicole e quindi di esacerbare la crisi alimentare globale.

Lo ha denunciato martedì sera il comando operativo ucraino del fronte meridionale, rilevando in particolare gli scioperi: “Coloro che affermano di essere preoccupati per la crisi alimentare globale stanno effettivamente colpendo i campi agricoli e le infrastrutture, dove infuriano incendi su larga scala”. Informazioni su Mykolaiv (sud).

Allo stesso tempo, il ministero della Difesa russo ha confermato che le forze ucraine “hanno deliberatamente dato fuoco a un grande magazzino di grano” nel porto di Mariupol.

“Più di 50mila tonnellate di grano sono state distrutte”, ha affermato il generale Mikhail Mizintsev, accusando il regime di Kiev di “terrorismo alimentare contro il suo stesso popolo”.

Incontri ad Ankara

La creazione di rotte marittime sicure per le esportazioni di grano attraverso il Mar Nero sarà al centro delle discussioni mercoledì ad Ankara tra il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov e il suo omologo turco Mevlut Cavusoglu.

READ  Il risultato finale di Anne Hidalgo a Parigi

Il giorno prima, il signor Lavrov è arrivato in Turchia e discuterà della possibilità che l’Ucraina esporti i suoi raccolti confinati nei suoi porti. È un blocco che fa salire i prezzi e minaccia la carestia in alcuni paesi dell’Africa e del Medio Oriente.

Su richiesta delle Nazioni Unite, la Turchia si è offerta di aiutare a scortare i convogli marittimi dai porti ucraini, nonostante la presenza di mine, alcune delle quali sono state rilevate vicino alla costa turca.

La stampa ucraina ha confermato che “le Nazioni Unite e l’Ucraina” parteciperanno alle discussioni di mercoledì, ma l’ambasciata ucraina ad Ankara ha negato qualsiasi contatto tra l’ambasciatore Vasyl Bodnar e il signor Lavrov.

Il signor Zelensky ha anche annunciato, martedì sera, la pubblicazione del “Libro delle esecuzioni” la prossima settimana.

Questo database raccoglierà informazioni sui crimini di guerra e sui soldati russi accusati di averli commessi. Il signor Zelensky promette che saranno citate anche le persone che hanno dato gli ordini. “Ho ripetutamente sottolineato che saranno tutti ritenuti responsabili. Stiamo andando lì passo dopo passo”, ha detto il presidente ucraino. Ha promesso ancora una volta che “tutti saranno assicurati alla giustizia”.

A fine maggio, il sistema giudiziario ucraino ha affermato di aver individuato “poche migliaia” di casi di presunti crimini di guerra nel Donbass.