Dicembre 8, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La guerra in Ucraina: pensionati e malati… Mosca ammette di aver commesso degli “errori” nella mobilitazione

Le autorità russe hanno promesso di correggere gli “errori” commessi nell’ambito del decreto di mobilitazione emesso dal presidente Vladimir Putin, dopo aver convocato persone che avrebbero dovuto essere esentate, provocando una protesta.

Tempo di lettura: 3 minuti

eNel suo annuncio mercoledì di una mobilitazione “parziale” dei riservisti per andare in Ucraina, Putin ha sottolineato che sarebbero state chiamate solo persone con esperienza o abilità militari “rilevanti”.

Ma diversi casi di persone in età da combattimento, malate o esenti, hanno suscitato indignazione sui social media, causando imbarazzo e preoccupazione alle autorità. Nella regione di Volgograd (sud-ovest), un soldato in pensione di 63 anni, affetto da diabete e problemi cerebrali, è stato licenziato dal centro di addestramento dove era stato convocato, secondo le autorità. Nello stesso distretto, il direttore di una piccola scuola di campagna, il 58enne Alexander Valtin, ha ricevuto un ordine di mobilitazione quando non aveva prestato servizio nell’esercito. Dopo aver postato sui social network un video della figlia, dove è stato ampiamente diffuso, è potuto tornare a casa.

Due parenti di Putin sono molto preoccupati

questa domenica, Lo scienziato Trasmette informazioni dall’agenzia di stampa Reuters, secondo cui due alti parlamentari russi si sono mostrati critici della campagna per mobilitare i riservisti in Russia. Così chiederanno ai funzionari locali di porre fine immediatamente agli “eccessi” per controllare meglio la situazione che scuote la società russa.

A ragione, alcune delle nuove reclute chiamate a arruolarsi nell’esercito non stavano nemmeno prestando il servizio militare, contrariamente alle dichiarazioni del ministro della Difesa Sergio Chogo che ha sottolineato che i futuri combattenti sarebbero solo personale “militare speciale”. abilità” o “esperienza di combattimento”, ricorda Lo scienziato.

‘Trasgressioni inaccettabili’

La critica è arrivata da Valentina Matvienko, presidente del Consiglio della Federazione della Federazione Russa, la camera alta del parlamento. Questo avrebbe annunciato che gli uomini erano stati convocati senza essere qualificati per mobilitarsi. Tali abusi sono del tutto inaccettabili. E penso che sia del tutto naturale per loro provocare una forte reazione nella comunità”, ha scritto via Telegram ai governatori distrettuali. Per lei, questi ultimi hanno la “piena responsabilità” per l’attuazione della mobilitazione. Assicurare che la mobilitazione parziale si svolge nel pieno e assoluto rispetto dei parametri stabiliti. Senza il minimo errore.’, continua.

Il presidente della Duma di Stato, la camera bassa del parlamento, Vyacheslav Volodin, fa eco alle sue parole: “Le denunce vengono presentate”. “Se si verifica un errore, deve essere corretto (…). Le autorità a tutti i livelli devono essere consapevoli delle proprie responsabilità”, non ha affermato.

Secondo le autorità russe, 300.000 russi stanno partecipando alla campagna di mobilitazione. Il Cremlino ha negato di aver mobilitato più di un milione di persone. Le ONG affermano che più di 2.000 persone sono state arrestate durante le proteste contro la mobilitazione.

Il conflitto tra Russia, Ucraina ed esercito
Agenzia di stampa francese

Questi eccessi sono un nuovo esempio delle difficoltà organizzative che hanno accompagnato fin dall’inizio l’attacco russo all’Ucraina. Sabato, il ministero della Difesa ha annunciato la sostituzione dell’ufficiale di più alto grado responsabile della logistica con il generale Mikhail Mizintsev, un membro dello staff di alto livello.

Anche se le autorità presentano la mobilitazione dei casi presumibilmente esentati come casi isolati, le loro dichiarazioni esprimono una sorta di preoccupazione di fronte alla reazione rabbiosa di una parte della popolazione.

READ  Francia: verso nuove misure per fronteggiare la quinta ondata di Covid?