Dicembre 8, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La guerra in Ucraina: Champagne, lacrime e passione a Kiev dopo la liberazione di Kherson

“Finalmente la mia città libera, la città in cui sono nata, dove ho vissuto tutta la vita”, racconta Nastya Stebinska, 17 anni, con le lacrime agli occhi, i colori dell’Ucraina dipinti sulle guance, venuta con le sue amiche da Kherson per unirsi al raduno.

“Quando sono arrivati ​​(i russi) è stato orribile, non sapevamo cosa sarebbe successo il giorno dopo, se fossimo sopravvissuti”, testimonia la studentessa delle superiori, che dice di essere “in buona forma. Da choc”.

“Tornerò presto quando sarà sicuro e possibile”, ha detto il giovane, riferendosi ai combattimenti in città.

L’esercito ucraino, nove mesi dopo aver occupato la sua capitale regionale nel sud del Paese, ha annunciato venerdì il suo ingresso a Kherson (sud) dopo il ritiro delle forze russe.

Immediatamente, un vento molto raro ha soffiato nella capitale ucraina di festeggiamenti, sorrisi complici, musica di strada e trombe nel centro di Kiev.

“Non ci sono parole per esprimere quanto siamo felici, mio ​​padre, mia madre e mia nonna sono ancora a Kherson”, ha detto Volodymyr Bahnenko.

“E la mia adorata volpe”, aggiunge la figlia Stefania.

“siamo liberi”

I residenti di Kherson, che avevano lasciato all’inizio dell’occupazione russa, si sono incontrati spontaneamente alle 19:00 (17:00 GMT), hanno drappeggiato bandiere, rotto tamponi di champagne e cantato l’inno ucraino abbracciandosi. Maidan, per celebrare questo evento.

“All’inizio non ci credevo, pensavo che ci sarebbero volute settimane, mesi, poche centinaia di metri alla volta, e ora li vediamo un giorno arrivare a Kherson, è la sorpresa più bella”, afferma con entusiasmo Artem Lukev, 41 anni , residente a Kherson che si è rifugiato a Kiev.

READ  Russia-Ucraina: une lueur d'espoir pour una sortie diplomatique de la crisi

“Ho detto ai miei ragazzi: ‘Va tutto bene, siamo liberi’ e abbiamo pianto tutti”, aggiunge il padre della famiglia, coccolando i suoi due figli e la bandiera ucraina.

L’inno nazionale viene cantato sotto le luci delle colonne con l’angelo di piazza Maidan. I partecipanti hanno gridato, con le lacrime agli occhi, prima che i battaglioni esultanti entrassero nella capitale regionale dell’Ucraina meridionale, la prima liberazione del genere dall’inizio della guerra.

“Siamo molto felici, tutti i residenti di Kherson sono qui, i nostri soldati sono dei (…) Abbiamo aspettato questo momento per nove mesi. Kherson appartiene all’Ucraina e questo è per sempre”, aggiunge il padre della famiglia.