Avellino Benevento Caserta Comunicato Stampa Cronaca EVIDENZA

La Guardia di Finanza ha scoperto due maxi evasioni fiscali di 3 milioni di euro

guardia di finanza controllo

Non avevano mai pagato le tasse. Oggi è scattato per due Società, un maxi sequestro per oltre 3 milioni di euro.

Caserta. Due aziende che operavano in provincia di Caserta, una esercente l’attività di casa di cura convenzionata con il S.S.N. e l’altra operante nel settore del commercio di articoli medicali e ortopedici. Entrambe risultavano evasori fiscali. I Finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria di Caserta hanno così sequestrato immobili, rapporti finanziari e quote societarie, fino al raggiungimento delle somme corrispondenti alle imposte sottratte alle casse dello Stato. Ad agire il Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Caserta in esecuzione di due decreti di sequestro preventivo emessi dal G.I.P. del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere – su richiesta della locale Procura – aventi ad oggetto beni per un valore complessivo di oltre 3 milioni di euro.

Ad Avellino, operazione presso il mercato settimanale, denunciati due senegalesi per falso, introduzione di prodotti contraffatti e ricettazione.

In una specifica azione a contrasto della contraffazione marchi, sicurezza prodotti e tutela del “made in Italy”, i militari della Compagnia di Avellino hanno individuato, in due distinti interventi presso il mercato settimanale che si tiene nel capoluogo irpino, numerosi prodotti detenuti per la vendita che sono risultati essere palesemente contraffatti. Infatti, nel corso dei controlli sono stati rinvenute borse, borselli, scarpe ed occhiali, tutti abilmente contraffatti per un totale di oltre 300 pezzi. Tutta la merce è stata sottoposta a sequestro e nei confronti dei responsabili, due cittadini di nazionalità senegalese, è scattata la denuncia alla Procura della Repubblica del capoluogo irpino, per la violazione prevista agli articoli 474 (falso), 517 (introduzione nello Stato di prodotti falsi) e 648 (ricettazione) del codice penale.

Scoperta ad Ariano Irpino una discarica abusiva di 500 metri quadri

Inoltre, l’azione di prevenzione e repressione degli illeciti ambientali ha consentito alle Fiamme Gialle della Compagnia di Ariano Irpino, di sottoporre a sequestro un’area di circa
500 metri quadri, suddivisa in tre piccole zone insistenti su un’unica proprietà, illecitamente adibita a discarica. L’intervento, finalizzato a preservare l’ambiente dai danni arrecati da depositi incontrollati di rifiuti pericolosi, si è concretizzato con la localizzazione nelle campagne di Melito Irpino, di un’area all’interno della quale le Fiamme gialle hanno rinvenuto enormi cumuli di rifiuti di ogni tipo: elettrodomestici in disuso, un’autovettura e diversi mezzi agricoli in stato di abbandono, materiale di risulta di attività di demolizione edile, materiale ferroso e legnoso nonché pneumatici di vario genere. Segnalato alla Procura della Reupubblica di Benevento, il proprietario delle terreno di Melito Irpino per le constatate violazioni delle norme di cui al decreto legislativo nr. 152/2006 in tema di tutela ambientale.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi