Novembre 30, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La Great Eta Carinae A Eruption è stata progettata dalla NASA con l’aiuto di Hubble e Chandra

I team della NASA hanno modellato in 3D il fenomeno del Big Bang della stella Eta Carinae A, nel sistema stellare Eta Carina. Dopo che si è verificato nel 1838, il Big Bang ha visto la stella acquisire un’intensa luminosità per circa 18 anni.

controllo dell’epidemia a stella Quello che è successo quasi 200 anni fa ora è possibile! il Nasa Il 25 gennaio ho pubblicato un video sul sito Hubblesite.org, che fu progettato per un famoso evento astronomico avvenuto tra il 1837 e il 1856: il Big Bang di Eta Carinae A, o Eta Carre. l’stella vissuto un periodo di crescita luminosità Per più di 18 anni, causando enormi differenze di dimensioni. Pertanto, Eta Carinae A è stata rilevata dall’agenzia spaziale utilizzando telescopi spaziali Hubble e Chandra Per immagini dettagliate della stella attraverso vari spettri luminoso.

sistema stellare di eruzione

Nel 1837astronomo L’inglese John Herschel (da non confondere con il famoso William Herschel, suo padre) osserva un aumento della luminosità di Eta Carinae A, quest’ultima superiore a quella di Rigel (7e La stella più luminosa del cieloEmisfero nord). Un anno dopo, nel 1838, Dimensioni apparenti Cade di più, il che significa che diventa luminoso come il sistema a doppia stella Alpha Centauri, che ha una magnitudine apparente di -0,27.

Eta Carinae A fa parte di un sistema a due stelle nascosto Nebulosa dell’Omuncolo, si trova all’interno della Nebulosa Carina. La stella è una delle più grandi finora osservate, ed è classificata come una “variante blu luminoso”, ovvero una gigante blu estremamente brillante. Uno studio è stato pubblicato in temperare la natura Nel 2012 sono state rivelate le teorie che spiegano il Big Bang del 19° secoloe un secolo.

READ  Un asteroide con un diametro di mezzo chilometro si sta dirigendo verso la Terra - La Nouvelle Tribune

Cosa può essere paragonato a un piccolo Supernova In realtà era un’onda d’urto emanata dalla superficie della stella, la cui magnitudine è stimata essere il 10% della potenza totale di un evento catastrofico come un evento di supernova. Eta Carinae A potrebbe aver perso l’equivalente di 10 masse solari durante il Big Bang. Se la stella ha riacquistato la sua dimensione apparente iniziale nel 1856, ha comunque subito molte fluttuazioni di luminosità fino ad oggi.

Visioni dal passato

Così hanno osservato Hubble e Chandra Eta Karina raggi di luce Su diversi spettri: visibile, Raggi X e ultravioletto. I dati raccolti dagli osservatori spaziali hanno permesso di instaurare una cooperazione tra astronomi e artisti Istituto di scienze del telescopio spaziale (STScI, o Space Telescope Science Institute). L’obiettivo era modellare le informazioni grezze raccolte in 2D da Chandra e Hubble in 3D. .è stato convertito modellazione Il Big Bang permette di ammirare e comprendere fenomeni avvenuti 200 anni fa, a 7.502 anni luce in Terra.

Se Hubble ha effettivamente fotografato l’Homunculus in passato, il team di astronomi della NASA riferisce di aver utilizzato un terzo telescopio spaziale: Spitzer. « Spitzer ha permesso di catturare i raggi infrarossi che passano attraverso la polvere cosmica, che di solito è troppo densa per consentire il passaggio della luce visibile. Questi dati a infrarossi fornivano dettagli minuziosi sull’ambiente interno Nebulosa Carina »Aggiunge Robert Hurt, scienziato e project manager pressoCentro di elaborazione e analisi a infrarossi (IPAC), California Institute of Technology.

Questa non è la prima volta che la NASA ha tentato Modello 3D Fenomeni cosmici: nel 2019, e poi nel 2020, l’agenzia statunitense in particolare ha pubblicato video che simulano il funzionamento di un buco nero gigante.