Luglio 18, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La Grande Macchia Rossa di Giove non sarà la stessa che Cassini vide 350 anni fa!

La Grande Macchia Rossa di Giove non sarà la stessa che Cassini vide 350 anni fa!

Giove non sarebbe un pianeta senza la Grande Macchia Rossa. Tuttavia, gli astronomi sottolineano che questa enorme tempesta non è sempre esistita. Anche quello osservato per la prima volta da Cassini non corrisponde a quello che conosciamo oggi.

La Grande Macchia Rossa. È senza dubbio una delle figure più emblematiche e, senza dubbio, la più grande TempesteTempeste Conosciuto del nostro sistema solare. La storia racconta che fu notatoAtmosferaAtmosfera A GioveGiove Per la prima volta da Jean-Dominique CassiniJean-Dominique CassiniE astronomoastronomo È di origine italiana e ha poi ottenuto la cittadinanza francese. Era il 1665.

Ricordiamo che la Grande Macchia Rossa si estende su un diametro approssimativamente uguale al diametro della nostra Terra. E ai suoi margini, SlotSlot Detonazione fino a 450 km/h. Cassini e i suoi contemporanei lo chiamavano… ‘Macchia permanente’ Perché se ne accorsero più volte fino al 1713. Ma ormai ne avevano perso le tracce. Fino al 1831. Ciò bastò a far sì che gli astronomi di oggi si chiedessero se stessero ancora osservando la Grande Macchia Rossa di Cassini.

La Grande Macchia Rossa continua a stupire gli astronomi

Per scoprirlo, i ricercatori dell’Università dei Paesi Baschi (Spagna) hanno analizzato fonti storiche per analizzare le dimensioni, la struttura e la posizione della Grande Macchia Rossa di Giove nel tempo. In Lettere di ricerca geofisicaHanno dettagliato il loro lavoro e sono arrivati ​​a un risultato sorprendente. “È molto improbabile che l’attuale Grande Macchia Rossa corrisponda alla ‘macchia permanente’ osservata da Cassiniannunciano in a dichiarazione. Questa sicuramente scomparve tra la metà del XVIII secoloH E l’OttocentoH 20° secolo, nel qual caso ora possiamo dire che la longevità della Grande Macchia Rossa di Giove supera i 190 anni. »

grazie per Simulazione digitaleSimulazione digitaleI ricercatori hanno anche testato le ipotesi avanzate finora sulla formazione di questa Grande Macchia Rossa. Gli astronomi ritengono che potrebbe essersi formato dopo una gigantesca tempesta, simile a quelle talvolta osservate SaturnoSaturnoIl pianeta gemello di Giove. È anche possibile che sia emerso come risultato della fusione di diversi vortici più piccoli prodotti dal wind shear da intense correnti di vento che scorrono parallele tra loro, ma si alternano in direzione con LatitudineLatitudine. La Grande Macchia Rossa di Giove potrebbe essere il risultato dell’instabilità del vento che potrebbe produrre una cella atmosferica allungata.

READ  Troppo debole, Cyril Gibault teme operatori sanitari non vaccinati

Cosa accadrà alla Grande Macchia Rossa di Giove?

I ricercatori dell’Università dei Paesi Baschi sottolineano che, sebbene A AnticicloneAnticiclone Nei primi due casi differiscono per forma e proprietà dinamiche da quelle della Grande Macchia Rossa che attualmente osserviamo su Giove. D’altro canto, l’instabilità del vento potrebbe aver causato a “Grande Macchia Rossa Primordiale” Che sarebbe diminuito nel tempo, creando una tempesta compatta e in rapida rotazione osservata dalla fine del XIX secolo.H un secolo.

La Grande Macchia Rossa di Giove non è mai stata così piccola e pallida!

Resta da riprodurre con successo il restringimento osservato della Grande Macchia Rossa – da circa 39.000 km nel 1879 a soli 14.000 km oggi – nel tempo per comprendere i meccanismi fisici alla base della sua relativa stabilità. I ricercatori intendono anche prevedere se si disintegrerà e scomparirà quando raggiungerà la sua dimensione massima. Forse è quello che è successo ‘Macchia permanente’ De Cassini…