Agosto 10, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La famiglia di Charlotte Valandre racconta il tributo di Jan Moix all’attrice: “Non ha mai risposto alle suppliche di Charlotte che lei avesse bisogno di lui”

Nell’edizione di Paris Match uscita in Francia il 21 luglio, lo scrittore Jan Moix ha avuto l’opportunità di rendere omaggio e raccontare la sua storia con Charlotte Vallandri, attrice morta il 13 luglio. Poi Jan Moix scrive: “Aveva un cuore, anche quando il suo no. Charlotte Vallandry è morta: non era proprio un’amica, ma la sorella che avrei dovuto avere”, scrive il regista del film Podium che rompe tutti i suoi ricordi con l’attrice. L’intimità che aveva con lei, il suo stato di sieropositività, la vicinanza tra loro… rivela tutto.

“Non ho mai pensato, posso passare la mia vita con l’AIDS – la sua vita, che diventerà la mia., che non vuoi a causa della morte” Prima di concludere, lo citerò “Charlotte è morta senza dirmelo, nella sua stessa umiltà.”.

Questo onore, la famiglia di Charlotte Valander ha avuto difficoltà ad accettare. Questo evoca anche una “breve affinità” tra Jan Moix e l’attrice. E in un messaggio pubblicato sull’account Instagram dell’attrice intitolato “The Truth”, la sua famiglia ha voluto rispondere. “Nessuno dei più vicini è a conoscenza di questa complicità. Quello che sappiamo è un breve riavvicinamento senza una storia d’amore quando erano giovani, ma in privato non molto da allora”.È scritto in un comunicato stampa.

“Quando ha lavorato sabato sera in TV, l’editorialista non ha risposto alle chiamate di Charlotte che aveva bisogno di lui. Questo è il mondo dello spettacolo, il sostegno di mio fratello”.La famiglia dell’attrice continua questo comunicato stampa.

In conclusione, la famiglia ha deciso di giustificarsi con Charlotte Valandray dopo questo comunicato stampa. “Ti vogliamo bene, Charlotte, e ti dobbiamo questa verità. Riposa in pace ora.”

READ  il donne de ses nouvelles, en compagnie de Patrick Bruel et Patrick Fiori (foto)