Febbraio 2, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La controversa intervista con Papa Francesco fa arrabbiare la Russia: “Non è più russofoba, è un’aberrazione”

In un’intervista alla rivista dei Gesuiti America, Papa Francesco ha detto della guerra in Ucraina che i soldati ceceni e buriati si sono comportati in modo più brutale. “In generale, forse i più crudeli sono quelli che vivono in Russia ma non sono di tradizione russa, come i ceceni e i buriati.Giudizio del Papa. si riferiva per atti di tortura nell’Ucraina orientale durante il conflitto.

Francesco I è stato interrogato dai media americani sulla sua riluttanza a condannare direttamente la Russia. Ha giustificato le sue osservazioni affermando di aver ricevuto molte informazioni dal presidente ucraino Volodymyr Zelensky sulla brutalità delle forze, ma ha aggiunto che “l’unica invasione è lo stato russo”.

Rita, il cui marito è stato torturato e ucciso dai soldati russi, ha testimoniato: “Abbiamo trovato il suo corpo senza testa”.

Dichiarazione non passa in Russia

La portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova, ha affermato che i commenti del papa sono un esempio della paura della Russia. “Non si tratta più di russofobia, è una perversione di un livello tale che non riesco nemmeno a nominarla‘, lo ha trasmesso sul suo canale Telegram.Siamo una famiglia con buriati, ceceni e altri rappresentanti del nostro paese multinazionale e multireligioso. “

La Russia ha molte repubbliche con distinti gruppi etnici e religiosi. I ceceni sono un gruppo etnico di ceceni nel Caucaso settentrionale (Russia sudoccidentale) a maggioranza musulmana. Il loro leader, il dittatore Ramzan Kadyrov, ha ampiamente sostenuto la guerra in Ucraina e si dice che abbia mandato i suoi figli a combattere. I Buriati sono un gruppo etnico mongolo originario della Buriazia, Siberia orientale, e sono buddisti e sciamani per tradizione.

READ  Allerta aerea in Ucraina, esplosioni in diverse città, Leopoli al 90% senza elettricità: “lanciati oltre 120 missili”

Da parte sua, Alexandra Garmashapova, fondatrice dell’organizzazione contro la guerra Free Buryatia, istituita nel 2022 in risposta all’invasione russa dell’Ucraina, ha definito le osservazioni del papa “ingiustificate e razziste”, secondo The Guardian. “Sono stato così deluso nel leggere queste imperdonabili osservazioni razziste”

La Russia sta combattendo una guerra che ha iniziato e sta conducendo VladimirPutin, che chiaramente non appartiene a una minoranza etnica. Il Papa deve condannarlo personalmente, ma decide di risparmiare il presidente russo. Non dimentichiamo che la Chiesa ortodossa russa è uno dei maggiori sostenitori della guerraHa aggiunto l’avvocato della comunità Buryat Alexandra Garmashapova, riferendosi al sostegno pubblico del leader della Chiesa ortodossa russa alla guerra.