Febbraio 5, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Katherine ha speso tutti i suoi risparmi dell’anno per comprare a suo figlio un regalo di Natale, ma si è resa conto dell’inganno troppo tardi…

Durante questo periodo festivo, tutti vogliamo fare regali ai nostri cari. Ma dobbiamo stare più attenti che mai, perché le truffe abbondano e i dannosi approfittano della crisi per catturare i meno attenti.

Catherine McGill, una scozzese di 53 anni, può attestarlo. E per non farsi tentare da altre persone come lei, ha deciso di raccontare la sua avventura sui giornali britannici.

Va detto che la truffa di questo abitante di Glasgow gli è costata quasi 900 euro. Katherine voleva davvero comprare a suo figlio di 16 anni Patrick un nuovo smartphone. Quando mi sono imbattuto in un Samsung S22 Ultra venduto a £ 750 (quasi € 900) su Marketplace, la piattaforma di vendita di Facebook, ho pensato che fosse un buon affare. Perché Samsung vende per circa 1.200 euro nei negozi …

“Ero un po’ nervosa all’idea di fare una transazione attraverso il Marketplace, ma tutto è così costoso che volevo risparmiare denaro”, ha detto al Daily Record. Ma è successo il contrario. Tutti i soldi che avevo risparmiato durante l’anno erano finiti quando ho capito che lo smartphone che avevo appena comprato era… falso.

Il problema è che non l’ha capito subito. Tuttavia, Katherine aveva delle perplessità al momento dello scambio, tanto da chiedere al venditore di darle la sua identificazione su videocassetta. Cosa che ha fatto senza barcollare. Ma poco dopo, quando ha riprovato a chiamarlo per dirgli di aver notato che si trattava di uno smartphone finto, lui non ha più risposto. “La nostra stagione delle vacanze è stata rovinata. Mi sento così triste e non riesco a smettere di piangere quando penso a quello che è successo”.

READ  Guerre en Ucraina: l'ONU évoque des «crimes de guerre», la Russie révèle son véritable objectif

The Daily Record a mené his petite enquête e a réussi à entrer en contact con il présumé vendeur, che è un sicuro qu’il vivait a Southampton, au sud de l’Angleterre, e qu’il n’avait more été à Glosgow depuis de Tre anni.

La polizia si è occupata del caso.