Maggio 21, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Julien De Sart su Footgate: “Forse mi sono perso un soprannome con Standard per barare, e questo mi fa schifo”

In risposta a una domanda di RTBF, il centrocampista del Gent è tornato ai suoi tempi allo Standard nel 2014, quando aveva appena 18 anni. Durante la stagione 2013-2014, lo Standard ha vinto la tappa classica e ha concluso i playoff al secondo posto, non lontano dall’Anderlecht.

Dalle scoperte associate alla saga di Footgate, Julien De Sart ha avuto allucinazioni ogni giorno. “E non è ancora finita. Vediamo gli importi, sconvolge anche me. Parliamo di calciatori ma quando vediamo cosa gettano nell’ombra anche allenatori e agenti. Il quadro calcistico non è bello, ma non è così. Andrà meglio”.

Ma il rimpianto più grande di Julien de Sart è la fine del campionato con la Rocher nel 2013-2014. “Penso alla mia prima stagione con lo Standard dove siamo arrivati ​​secondi con mezzo punto e al fatto che le partite apparentemente erano state sistemate durante quegli spareggi. Mi dico che avrei potuto essere un campione a 18 anni con lo Standard de Liege. Un traguardo questo avrebbe cambiato la mia carriera. E questo mi fa piangere perché mi mancava essere un campione di Liegi. Il che è insolito quando vieni da Liegi. Quindi potrei essermi perso gli imbrogli e gli effetti speciali. Guardando indietro, è qualcosa questo mi disgusta e mi fa dubitare del futuro del calcio belga”.

All’epoca, Roland Duchâtelet avvertì i giocatori che durante i playoff potevano succedere molte cose malsane. “Tra i giocatori ci siamo detti ‘È un po’ matto’, ma alla fine penso che avesse ragione. C’erano cose… errori arbitrali, comunque partite strane”, lamenta il moderatore di Gent.

READ  Romelu Lukaku è stato coraggioso ma deve scusarsi con i compagni