Novembre 28, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Julie Petrie accusa Jean-Luc Hague, accusato di aver violentato minori: ‘I produttori lo sanno benissimo’

A 67 anni, la traduttrice di “Eve alzati” è tornata con lui L’arte di tagliare e modellare la carta, il suo nuovo album. per Cinema TVJulie Petrie affascinata da Jean-Luc Hague che si sfregò le spalle – non senza disprezzo – ancora ultimamente in tournée stelle 80. Nel 2015, alla domanda sui suoi gusti per le ragazze, il traduttore di “Woman I love” ha detto che ancora non ci andava “sbattere jolly petri”. Poi il cantante lo ha citato in giudizio per diffamazione e aggressione al suo onore, prima di ritirare la denuncia. “Quello che ha detto era volgare e sessista!Spiega ai nostri colleghi. Chi può dirlo a una donna? È odioso. Che non lo puniamo per questo, e che non sia fuori dai guai, è orribile. Dopo di che, devo ritirare la mia denuncia a causa della pressione, è peggio”.

Oggi, accusato di aver stuprato e aggredito sessualmente minori di 15 anni, Jean-Luc Lahaye avrebbe avuto dei complici secondo le parole del cantante. “I produttori di alcuni dei maggiori tour lo sapevano bene e vennero persino a baciare le mani delle ragazze nel backstage, Lei si fida di me Cinema TV. Tutti erano complici. E abbiamo continuato a usarlo, e l’abbiamo pagato di più degli altri. E dicono che la mascolinità non esiste più? Quanto a me, se avessi aperto un po’ di più la bocca, mi sarebbe stato ordinato di tacere, altrimenti sarei stato espulso. Ora sarà difficile per lui tornare. Ha trascorso sei mesi in prigione e sarà processato per pedofilia e stupro di ragazze.