Maggio 19, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Jocelyn Fiorina: “Dumas è quasi uno scrittore italiano”

Incontro con Jocelyn Fiorina, insegnante al Sabinza di Roma e segretaria generale dell’Associazione Amici di Alexandre Dumas. Appassionato lettore di letteratura e soprattutto autore del Conte di Monte-Cristo, ha dedicato un libro ai ricchi legami tra il famoso scrittore francese e l’Italia.

Come sei arrivato a scrivere l’opera recentemente pubblicata Alexandre Dumas, L’Italy au Gore?

Lo leggiamo tutti Tre moschettieri, Conte di Montecristo Quando eri un ragazzino o un adolescente, ma è in Italia – faccio l’insegnante a La Sabina – un giorno, mentre studiavo Repubblica, ho riscoperto i collegamenti tra Dumas e l’Italia. Un articolo è stato dedicato alla pubblicazione di un libro scritto da Dumas nelle Comore: di lui e della sua storia, abbiamo riscoperto che era quasi uno scrittore italiano. Dopo un po, Repubblica È stato interessante trovare questo racconto inedito L’assassination de la rue St-Roch, che non è stato tradotto in francese ed è stato pubblicato a puntate. Indipendente, Giornale sviluppato dalla Dumas di Napoli. Ho deciso di essere il primo traduttore di Alexandre Dumas e ho iniziato a esplorare il suo rapporto con l’Italia.

Conosciamo bene i rapporti di Stentel con l’Italia, e come descriveresti questa differenza tra i due scrittori francesi?

Questo è abbastanza sorprendente, soprattutto perché i legami tra Dumas e l’Italia sono forti. Tuttavia, ci sono diversi punti in comune tra Dumas e Stentel. Entrambi sono stati accusati dalle autorità di essere vicini ai patrioti italiani e di essere monitorati dallo stesso agente di polizia sotto copertura: Stendall è stato accusato di carbonarismo e Dumas ha voluto ribellarsi alle politiche repubblicane in Italia. Sono entrambi innamorati della stessa ragazza, la cantante Carolyn Unger. Entrambi hanno scritto sullo stesso argomento, Sensei. Stenol si avvicinò a antichi manoscritti sulle famiglie rinascimentali e li copiò. Alla sua morte, copie di questi furono date all’amico di Stentel Prosper Merimi Dumas, che conosceva l’amore comune dei due scrittori italiani.
Dumas e Stental si incontrarono a Roma e Stenthol lo scrisse a margine dei suoi libri. Immagino di poter ricreare la loro conversazione raccogliendo le loro cose comuni nel mio libro. Sappiamo che hanno bevuto molto champagne e possiamo ancora vedere la differenza tra i due personaggi: Dumas ha lasciato la cena molto felice, scrive Stent. “Ho bevuto troppo champagne, non sono malato”.

C’era competizione tra i due soprattutto se ti sei innamorato della stessa ragazza?

READ  Diversi tentativi sono stati avviati dalla rete italiana per sostenere la causa Saharawi

Hanno lo stesso amore per l’Italia e Caroline Unger, ma personalità completamente diverse, troviamo nei loro scritti. Stental si concentra maggiormente sulla psicologia, le emozioni e l’autoanalisi. È molto critico e si lamenta molto, soprattutto del carattere provinciale di Roma. Tuttavia, è proprio questo piacere per Dumas, che ha sempre goduto la vita, come ricordiamo nei suoi scritti.
Stent dice che vive solo per i fallimenti nell’amore, Mentre il successo romantico per Dumas, funziona bene per lui. Caroline ha cercato di sedurti per anni con Stent, e lui è andato a vederla all’opera diverse volte, senza successo. Dumas la incontra una volta, le propone una gita in barca: è innamorata, e lo vediamo nelle tante lettere che si scrivono. Stent potrebbe essere stato un po’ geloso.

Quando Dumas non è stato ben accolto in Italia, cosa lo ha spinto a trascorrere più tempo lì?

Dumas non vuole essere controllato. Quando gli è stato vietato di recarsi a Napoli, ha promesso di inviare una cartolina da quella città la prossima settimana. Incarica un suo amico che vive a Villa Medici di richiedere un visto, che usa al suo posto, viaggiando così sotto falso nome. Inoltre, ha un legame affettivo con l’Italia: suo padre, il generale Dumas, fu imprigionato dal re Ferdinando di Napoli. È tornato molto debole. Quindi Dumas si vendica con il Borbone del Napoli. Nel corso della sua storia con l’Italia, questa lotta è stata contro i tiranni italiani.

Dumas non si è ispirato solo all’Italia per la sua scrittura, ma è stato anche un attore nella sua storia. Mi puoi dire di più?

READ  CNL rafforza il supporto per la traduzione in italiano

Aveva davvero l’Italia nel cuore, ma era anche nel cuore dell’Italia. Tutto ebbe inizio a Parigi, durante la sua giovinezza visitò frequentemente gli italiani esiliati, in particolare la principessa Belgiojoso, che animava i circoli dei patrioti italiani. Uno dei suoi amici più cari, che incontrò in carcere negli anni ’30 dell’Ottocento, Alexandre Pixio, suo fratello Nino Pixio, sarebbe diventato uno dei migliori generali caribaldi. Quando andò in Italia, fu incaricato da queste reti di patrioti italiani. Incontrò soprattutto Carbonari in Sicilia, che gli chiese di portare un piano di ribellione nella contea di Siracusa. Molti anni dopo aver creato il suo diario a sostegno di Garibaldi, descrive quest’opera. Indipendente. Il suo racconto dell’incontro con il conte di Siracusa sulla pagina di Xiao ricorda un passaggio de I tre moschettieri: la scena si svolge al chiaro di luna, il conte indossa un lungo cappotto, baffi finti e barba finta, Dumas tira fuori un piano di ribellione al di fuori della fodera del suo cappello, e Earl lo trama e lo strappò in piccoli pezzi. Dumas vive con l’Italia in una storia degna dei suoi romanzi.

Ricordiamo in particolare le sue interazioni con Garibaldi

Il suo rapporto con Garibaldi è l’occasione per vivere avventurosamente in carne ed ossa con l’eroe dei suoi romanzi. Dal 1849 scrive di Garibaldi senza incontrarlo: descrive il capitolo della Repubblica Romana nel 1849, e poi descrive le sue avventure in Sudamerica come Nuova Troia. Nel 1860, quando Caribaldi tornò per unificare l’Italia, Dumas volle incontrarlo per aiutarlo. Diventano rapidamente migliori amici. Dumas gli porta la sua penna, la sua arma principale. Divenne il biografo ufficiale di Garibaldi, che gli regalò un palazzo sulla spiaggia a Napoli.

Il tuo libro è disponibile sia in italiano che in francese e Dumas è noto in entrambi i paesi? È ricordato in Italia come attore Risorgimento ?

In Francia, come in Italia, è ricordato soprattutto come l’autore de Il conte di Montecristo e I tre moschettieri. Ma non credo sia meno letto in Italia che in Francia. Nel 2020 è uscito un film di Natale italiano sui tre moschettieri, adattato dal romanzo e girato in Francia e nella serie italiana sul conte di Montecristo. Dumas è onnipresente nella cultura popolare in entrambi i paesi. A Napoli troviamo rue Alessandro Dumas o il liceo francese Alexandre Dumas e il suo ruolo. Risorgimento Di nuovo in costante aumento.

READ  Apple announces October 18 event following Mac rumors

Hai intrapreso un tour con audioguida che ti permetterà di viaggiare a Roma sulle orme della Contea di Monte Cristo. Puoi nominare i tre passaggi di identificazione?

Un palcoscenico importante è il teatro argentino, dove i protagonisti vedono per la prima volta il conte di Montecristo. Frequentano La Barricina di Tonicetti, il cui personaggio principale è interpretato da Caroline Unger. Nel senso di Franz de Ebenez che ascolta questa zona dell’opera, vediamo Dumas che ascolta il suo ragazzo cantare. Con l’avvento della multimedialità che poteva essere continuata sul suo telefono, ne ho ricreato il contesto con i brani citati nel romanzo.
Anche l’Hotel de Russi è un punto di riferimento. È un palazzo lussuoso in cui ha una stanza il conte di Montecristo, che invita Franz e Albert a prepararsi per la festa e ad assistere al raccapricciante spettacolo in Piazza del Bobolo. Fu scoperta la stanza perfetta e in sua memoria fu creato il cocktail Comte de Monte-Cristo.
Il terzo posto sono le Catacombe di San Sebastiano, che è il luogo dei pirati.

Intervista a Eléné Pluvinage

L’audio tour di Roma segue le orme del Conte di Montecristo Questo viaggioCon o senza utilizzo.
Alexandre Dumas, L’Italia nel cuore, Edizioni Segni d’Autore, Carlo di Carlo Rispoli