Maggio 20, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Jannik Sinner sogna in grande: “Se potessi svegliarmi ed essere Federer per un giorno…”

Nell’ultimo numero di Players’ Voice, l’uomo che attualmente è al 13° posto nella classifica ATP parla dei suoi recenti successi e di come li ha costruiti. Il giovane giocatore mostra anche le sue ambizioni per il 2022 e, cosa più sorprendente, la sua voglia di vivere un giorno nei panni di Roger Federer.

Quando le persone mi chiedono ‘Dove vuoi essere alla fine dell’anno? “, dovrei sempre sorridere. La visione esteriore di come vivono e pensano i tennisti è spesso molto diversa dalla realtà. Questo è il mio caso, comunque. La mia risposta è che non si tratta solo di classifica. In effetti, io” Non mi piace parlarne, non l’ho mai fatto e non credo lo farò mai, preferisco per lo più fissare obiettivi in ​​un senso più ampio.

Ad esempio, vorrei vedere come posso svilupparmi fisicamente. So di avere ampi margini di miglioramento in questo settore. Mi piace anche crescere mentalmente. A vent’anni non puoi essere un giocatore completo.

Atp Madrid

Rublev in pista, lo è ancora: in video la sua sconfitta in ingresso contro Krejcinovic

2 ore fa

Se potessi svegliarmi ed essere un altro tennista per un giorno, mi piacerebbe essere Roger Federer perché è così completo e così versatile. Può fare qualsiasi cosa, ha tutte le soluzioni per affrontare ciò che viene sollevato in tribunale.

Roger Federer al Roland Garros nel 2021.

Credito: Eurosport

Certo, alzarsi come Roger Federer è un’utopia, ma penso che l’intenzione mi dia la volontà di diventare un giocatore più completo. Non sto dicendo che mi vedrai servito e sbattuto in pastella durante la notte, o affettato. Ma forse un giorno mi piacerebbe trovarmi in una situazione in cui posso trovare più soluzioni quando sono in campo. In breve, il mio vero obiettivo è diventare un giocatore più completo ed è quello che voglio raggiungere entro la fine dell’anno. Più che raggiungere un certo grado.

Tornando a com’ero due anni fa, ora sembra tutto completamente diverso. In meglio ovviamente. Quando avevo 18 anni e giocavo per la prima volta sul ring, non sapevo nulla quando sono arrivato ai tornei. Non sapevo cosa sarebbe successo, quale sarebbe stato il pubblico o come avrebbe giocato il mio avversario. Quando inizi, non sarai mai sicuro di avere il livello richiesto per essere lì.

Ma la situazione oggi è diversa. Il mio sviluppo è stato sorprendente sapendo benissimo che i miei avversari mi hanno studiato per capire le mie tattiche ei miei punti di forza. Oggi so di avere una partita da affrontare con chiunque.

Jannik Sinner durante i quarti di finale degli Australian Open 2022.

Credito: Eurosport

So anche che c’è pressione, soprattutto in Italia dove ci si aspetta molto da me. Ma vedo questa attesa come un privilegio. Sono la prima persona a spingermi oltre, sono la prima a voler vincere, quindi anche se tutti parlano di me e scrivono di me, non lo vedo come un problema.

A volte non mi accorgo nemmeno di quello che viene detto, ma quando lo faccio, accetto che fa parte del gioco ed è inevitabile. Non vedo problemi in questo: lo accetto e basta. Ovviamente è più difficile quando vedi o senti cose su di te quando non hai la tua giornata migliore in campo, ma la soluzione è semplice: lavoro con la mia squadra e loro mi aiutano a mantenere il massimo.

Penso che l’importante sia che mi senta la stessa persona di due anni fa, nonostante i cambiamenti che ho fatto nella mia carriera. La fama e la vita fuori dal campo sono ovviamente diverse, ma io non sono cambiato. Sono lo stesso uomo che sono sempre stato. So da dove vieni. So chi sono. So cosa devo alla mia famiglia, chi sono i miei genitori e le persone con cui lavoro ogni giorno.

Ho sempre fatto quello che volevo e sono rimasto fedele a me stesso. Quando ho smesso di pattinare, per esempio, l’ho fatto per buttarmi completamente nel tennis. Ora posso guardare indietro alla mia vita e apprezzare la possibilità di poter fare ciò che amo.

Quello che è cambiato è il mio repertorio! Ricevo molti messaggi su molte cose. Ho imparato che è impossibile tenere traccia di tutto: ci saranno molte energie spese. Quindi ho cercato di prendere decisioni a favore di uno stretto contatto con le persone a cui tengo. È la stessa cosa sui social che sto cercando di limitare un po’. Certo, è importante perché è parte integrante della vita di un atleta, ma l’energia è davvero preziosa. Trascorrere troppo tempo sui social media costa energia mentale, che è molto importante nel tennis.

Il confinamento era un perfetto campo di allenamento per cercare di conservare la sua energia mentale. Dopo due anni difficili, le cose stanno iniziando a migliorare. Le persone sono tornate di nuovo e i fan sono finalmente tornati nei tornei. Ovviamente, potrebbe essere un’arma cruciale in una partita. Certamente non è stato un periodo facile e il suo impatto sulla salute mentale è ancora un grosso problema. Ci sono ancora molte persone che non si aprono a parenti o amici. Secondo me c’è ancora molto da fare in questo senso… e non si tratta solo di tennis, ma della vita in generale.

Tornato al tennis, e più precisamente alla stagione sulla terra battuta, adatto il mio gioco alla superficie. Devi cercare più curve e angoli e servire in modo diverso perché colpire costantemente è inutile. Sono contento perché sento di poter ancora imparare molto su questo mazzo. Montecarlo è stato il mio primo buon test, e ora sono molto emozionato per la Roma.

Spero che l’atmosfera sia simile a quella che ho vissuto a Torino durante le ATP Finals. È stato davvero speciale. Il pubblico può svolgere un ruolo davvero importante. Se hai l’opportunità di giocare davanti ai tuoi fan, dovresti approfittarne. Ho la sensazione che i grandi giorni del tennis mi stiano aspettando e non so niente di te, ma non vedo l’ora.

Segui Jannik Sinner su Instagram (@janniksin) e Twitter (@janniksin).

Atp Roma

Guffin è in piena guarigione, Hurkacz non ha potuto fare a meno di chinarsi

3 ore fa

WTA Roma

Raducanu si arrende, Jaber ha paura

4 ore fa

READ  Alexandre Blissin, ex allenatore dell'Ostenda, potrebbe diventare il nuovo allenatore dello Standard de Liegi