Novembre 26, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Italiano, Martino | Il Giornale del Quebec

Italiano, Martino

Domenica 9 ottobre, la signora Martin L’Italien è morta pacificamente nella sua residenza a La Marte, circondata dai suoi cari. Gli sopravvivono sua moglie, Régene Bergeron, suo figlio Charles-Emile “Charlotte” (Sophie), i due figli di Régene, Martin (Mirail) e Benoît (Marieve), e i loro figli, Antonin, Mathieu, Mauricia e Miranda. La partenza di Martin lascia un vuoto anche nei cuori delle sue sorelle Claire e Chantal e di suo fratello Albert. Martin ha molte nipoti e nipoti, cugini, cugini naturali e misti, amici intimi e conoscenti conosciuti durante le sue migrazioni personali e professionali. Martin è nato nella casa dove ha esalato l’ultimo respiro. Ha poi viaggiato con lo zaino in spalla da Gaspé al Quebec, dove ha insegnato all’asilo, il suo interesse principale erano i bambini. Dopo aver trascorso alcuni anni a Morrissey, si stabilì infine a La Martre, dove assistette nella clinica di optometria di Région. “Madame Martin” ha salutato migliaia di clienti, ha visto persone bellissime con i loro nuovi bicchieri e aveva appuntamenti tra la zuppa e la cena. Coltivò la terra con il suo grande giardino e fece amicizia nel suo Cercle de fermières. Il cucito e il lavoro a maglia sono compagni che la seguono ovunque vada. Sulla sedia, in macchina, in riabilitazione, Martin sta costantemente lavorando a maglia calzini, quindi il suo ultimo paio rimarrà incompiuto.
Martin era un “seminatore” che cercava di entrare in contatto con chiunque fosse interessato ai suoi crescenti interessi. Martin condivide sempre che questa idea di restituire le ha segnato il cuore per tutta la vita.
Avrà amato fino alla fine e sarà amata sopra ogni cosa.
Marlène, le infermiere del CLSC de Mont-Louis che hanno aiutato Martin nei suoi ultimi momenti, e il Dr. La famiglia desidera estendere un ringraziamento speciale a Coulombe. I funerali si terranno nella primavera del 2023. Espressioni di solidarietà possono essere rivolte alla Fondazione Ellen presso l’Istituto per la riabilitazione dei disabili fisici del Quebec (IRDPQ).