Maggio 18, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Infine, l’energia nucleare non è la soluzione migliore per le colonie su Marte

Vai su Marte, va bene. Meglio andare lì. Ma con tutto questo, ci vorrà energia. Elettricità in particolare. E anche sulla Terra, ora sorge la domanda su come produrlo. Come sulla Terra, sia il solare che il nucleare sembrano voler tirare la coperta. Chi dei due uscirà vittorioso? I ricercatori hanno la loro idea.

Sarai anche interessato


[EN VIDÉO] Vivi e lavora come la luna o come Marte
La Hawaii Space Exploration and Simulation Station (HI-SEAS) è una stazione di ricerca installata a un’altitudine di circa 2.500 metri, in una cupola di circa 110 metri quadrati, sui fianchi del vulcano Mauna Loa, Hawaii. Obiettivo: simulare la vita dei coloni umani che andranno a stabilirsi sulla Luna o su Marte. Non solo per capire come gli astronauti potranno interagire tra loro in condizioni difficili, ma anche per sviluppare i metodi e le attrezzature più appropriati per vivere e fare ricerca sulla Luna e su Marte. © HI-SEAS

Gli esperti lo dicono più e più volte, nel contesto Il riscaldamento globale che viviamo, ci opponiamo produzione di energia nucleare E generare elettricità rinnovabile non ha senso. Comunque con i piedi per terra. Ma il dibattito ora ha improvvisamente raggiunto un livello inaspettato. Esportando su Marte. Mentre la maggior parte degli ingegneri che hanno lavorato sulla questione hanno convalidato l’opzione nucleare come la migliore alternativa, Ricercatori presso l’Università della California, Berkeley Oggi (gli Stati Uniti) hanno rivelato che l’energia solare potrebbe produrre tutta l’elettricità di cui i futuri coloni su Marte avranno bisogno. Per una missione estesa e anche per un’installazione permanente sul Pianeta Rosso.

READ  Prossimamente Primo Foglio Mag.

lo ricordo Nasa Da diversi anni sta lavorando allo sviluppo di reattori nucleari in miniatura chiamati kilopotenza. I reattori possono funzionare 24 ore al giorno, 7 giorni alla settimana. che gli ingegneri oggi considerano sicuri ed efficaci nel supportare l’esplorazione Roboticama anche un umano di Marte.

l’energia solare, si presenta con alcuni degli stessi difetti di quelli che conosciamo sulla Terra. L’energia elettrica prodotta deve essere immagazzinata in questo modo se deve essere utilizzata di notte. E su Marte, tempeste Dalla polvere a volte oscura il cielo, coprendo tutto con un velo rosso. ricordati che rover dalla NASA opportunità È stato rotto da una di queste tempeste nel 2019.

Difficile valutare il fabbisogno energetico

Ma i ricercatori dell’UCSD non volevano fermarsi qui. Per confrontare le due soluzioni, hanno scelto un approccio sistematico. guardando un Missione su Marte 480 giorni, tempo di percorrenza circa 420 giorni incl. Poiché non sanno esattamente quale sia l’energia necessaria per un tale compito, il fisici Costruisci un modello matematico per esplorare diversi scenari. Scenari che includono ad esempio esigenze di controllo della temperatura e della pressione, per la produzione di fertilizzantiAgricoltura Marte, per produrre metano che fornirà il propellente Razzo Destinato al ritorno sulla Terra o alla produzione di bioplastiche.

Hanno confrontato queste esigenze con le capacità di produzione di energia nucleare, i sistemi di produzione fotovoltaica e tre opzioni di stoccaggio. Batterie semplici, prodotte daidrogeno Direttamente da celle fotoelettrochimiche o produzione di idrogeno elettrolisi. L’idrogeno che può quindi, secondo alcuni sulla Terra, essere utilizzato per fornirlo celle a combustibile Durante la notte di Marte o durante le famose tempeste di sabbia.

READ  Sondaggi COVID : Legault s'interesse toujours à la taxe santé

L’energia solare può essere la più interessante

Di conseguenza, su quasi metà della superficie di Marte, specialmente ai tropici, l’energia solare è stata finalmente presentata come una soluzione più interessante dell’energia nucleare. Se e solo se la produzione di energia solare è combinata con un sistema di elettrolisi dell’idrogeno.

La questione dell’efficienza, ma soprattutto, il peso dei pannelli solari. Un sito di atterraggio vicinoequatoreAd esempio, i ricercatori stimano che il peso totale dei pannelli solari a bordo – più il sistema di stoccaggio dell’idrogeno – sarebbe di circa 8,3 tonnellate – per un razzo che trasporta un carico utile di 100 tonnellate. -, rispetto a 9,5 tonnellate. Tonnellata per sistema di reattore Kilopower. Forse abbastanza per prendere in considerazione il trasporto di tavole di emergenza. Cosa che non sarebbe possibile per il sistema nucleare. Tuttavia, i ricercatori sottolineano che il loro lavoro è rilevante solo se prendiamo in considerazione i pannelli solari flessibili di recente sviluppo. Più leggero perché funziona senza strutture duro O anche supporti in vetro come quelli tradizionalmente visti tetti Dalla nostra buona vecchia terra.

Interessato a quello che hai appena letto?