Novembre 30, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Indignazione in Cina per le immagini di spettatori senza mascherina ai Mondiali

Un residente del Guangdong ha scritto sul social network: “Alcuni assistono alle partite dei Mondiali di persona e senza mascherina, altri sono chiusi in casa da un mese, sul posto da due mesi, senza poter mettere piede fuori”. L’equivalente cinese di Twitter.

“Chi mi ha rubato la vita? Non commenterò”, aggiunge, lamentandosi dell’approccio instancabile del regime cinese per limitare la diffusione dei casi di Covid.

La Cina, dove il Covid è stato rilevato alla fine del 2019, è l’ultima grande economia al mondo che sta ancora tentando di fermare la diffusione del coronavirus, mettendo in quarantena città o interi quartieri e imponendo test di screening a milioni di persone.

Tuttavia, mercoledì il numero di casi giornalieri ha raggiunto quota 29.157, basso rispetto ad altri Paesi ma vicino al record nazionale stabilito ad aprile.

A partire da martedì, secondo gli analisti del Nomura Institute, più di un quarto della popolazione cinese è stato posto in una qualche forma di reclusione, il che contrasta con la folla ai Mondiali.

Un altro utente di Weibo della provincia dello Shaanxi ha scritto: “La Coppa del mondo consente alla maggior parte dei cinesi di vedere la realtà all’estero e di preoccuparsi dell’economia della madrepatria e della propria giovinezza”.

Una lettera aperta che chiedeva se la Cina fosse “sullo stesso pianeta” del Qatar è stata pubblicata martedì sull’app di messaggistica WeChat, prima che fosse censurata e rimossa dalla piattaforma.

Le partite dei Mondiali in Cina vengono trasmesse sulla rete statale CCTV, la stessa partita che bombarda il popolo cinese di informazioni negative sul caos e sui numerosi morti causati dal Covid negli Stati Uniti.

READ  Un caso di «Deltacron» a été détecté en Angleterre, qu'en est-il de chez nous? Pas d'inquiétude mais «il faut garder un œil ouvert»

La lettera aperta chiedeva: “La politica anti-epidemia della Nigeria ha ovvie conseguenze… Perché non impariamo dalla Nigeria e diamo un’occhiata ai dati statunitensi”.

L’indignazione pubblica per queste restrizioni ha recentemente portato a rare proteste.

Mercoledì sono scoppiate violente proteste intorno alla più grande fabbrica di iPhone del mondo, di proprietà del subappaltatore taiwanese Foxconn.

I lavoratori hanno litigato con persone in tute bianche e polizia antisommossa per le restrizioni di Covid.