Febbraio 3, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Incredibile: un uomo è stato condannato a 40 anni dopo aver ucciso la moglie… grazie a un podcast

Un ex insegnante di una scuola superiore australiana è stato condannato venerdì a 24 anni di carcere per aver ucciso sua moglie dopo che un’audiocassetta di successo ha rivelato nuove prove. Chris Dawson, 74 anni, è stato condannato per aver ucciso Lynette Dawson quasi 40 anni fa mentre aveva una relazione con un’adolescente, babysitter ed ex studentessa.

Il corpo della vittima non è mai stato ritrovato e nel caso sono emerse poche piste fino al 2018, quando il podcast “The Teacher’s Pet” ha suscitato un rinnovato interesse pubblico e alla fine una nuova indagine della polizia. Annunciando la pena detentiva di 24 anni, accompagnata da un periodo di sicurezza di 18 anni, il giudice Ian Harrison ha dichiarato venerdì che il motivo dell’omicidio era la “gelosa infatuazione” del signor Dawson per il suo ex studente, che lo ha portato a uccidere sua moglie. “Il signor Dawson non è vecchio per gli standard contemporanei, ma non vivrà fino alla fine della sua cauzione“, Ha aggiunto.

Il signor Dawson ha fermamente sostenuto la sua innocenza durante tutto il processo.

Il podcast che ha esposto questo problema

“The Teacher’s Pet” è stato condotto dalla giornalista Hedley Thomas e, pochi mesi dopo la messa in onda dei suoi primi episodi, Dawson è stata arrestata nel dicembre 2018.
È stato spesso paragonato al podcast “soap opera”, uno standard di riferimento per il genere negli Stati Uniti, che ha svolto un ruolo importante nel ribaltare la condanna di un uomo per aver ucciso la sua ragazza.

Venerdì, il fratello di Lynette Dawson, Greg Sims, ha ringraziato il signor Thomas. “Spero che i media e la polizia collaboreranno nei casi futuriHa commentato dopo che il verdetto è stato pronunciato.È tempo per noi di iniziare a vivere le nostre vite senza che questa storia sia sopra le nostre teste.“.

READ  La guerra in Ucraina: la risposta del gigante russo Gazprom alle sanzioni occidentali