Febbraio 3, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Incontro con l’astronauta europeo Matthias Maurer

È entrato a far parte del team di astronauti dell’Agenzia spaziale europea pochi anni dopo la selezione di Thomas Pesquet. Da allora, il tedesco Matthias Maurer ha effettuato una missione di sei mesi sulla Stazione Spaziale Internazionale, dopo la missione di Thomas.

nel compito bacio cosmico Completato ora. L’astronauta tedesco Matthias Maurer dell’Agenzia spaziale europea (ESA) torna da un volo post-volo. Sintesi di due interviste esclusive a Futura in occasione dell’Esposizione Astronautica Internazionale (IAC) di Parigi a settembre 2022, e dell’annuncio della nuova promozione degli astronauti presso l’Agenzia Spaziale Europea a novembre.

Matteo Maurer: Sono tornato a maggio (2022) e sono davvero entusiasta della missione perché ha avuto molto successo. C’era il palcoscenico dopo il volo Sei mesi, di cui le prime sei settimane dopo il volo più o meno dedicate alle visite mediche. Dopo una breve vacanza, ho viaggiato molto in tutti i paesi d’Europa per presentare al pubblico i successi della missione.

Futura: Quali esperimenti scientifici ti hanno influenzato di più durante la tua missione?

Matteo Maurer: Ci sono stati esperimenti che hanno avuto un impatto maggiore. Ad esempio, ho avuto l’esperienza Toccami se puoi (Toccami se puoi, annuisci al film.) Materiale antimicrobico testato. Impediscono la trasmissione di germi, è molto importante in questo contesto di epidemia. Come altro esperimento, ho prodotto cemento nello spazio. Lo stiamo studiando perché la produzione di calcestruzzo nel mondo rilascia più anidride carbonica2 Nell’atmosfera dell’intera industria aeronautica.

Futura: qual è il peso del cameratismo tra gli astronauti?

Matteo Maurer: Nello spazio siamo umani e quindi lavoriamo con gli altri. Per noi la nazionalità dei colleghi non è affatto importante. Siamo amici, fratelli e sorelle. Dobbiamo avere il 100% di fiducia tra di noi o non saremo in grado di lavorare efficacemente nello spazio e risolvere qualsiasi problema.

READ  Cosmecode seleziona la perfetta tonalità di fondotinta in un clic

Futura: Qual è il tuo lavoro ora che la fase post-volo è finita?

Matteo Maurer: sono responsabile Dal progetto ESA Luna. È un centro per l’addestramento degli astronauti e la sperimentazione di nuove tecnologie sul terreno lunare. Si tratta di un nuovo edificio che sarà costruito accanto al Cosmonaut Center (EAC) di Colonia, in Germania. Prepareremo viaggi sulla luna.

Futura: Andare sulla luna, grande desiderio?

Matteo Maurer: Questo è il grande sogno di tutti gli astronauti. Il primo sogno è volare nello spazio. Il secondo è uscire dalla stazione spaziale. Sono stato in grado di fare questi due. Il terzo sogno è volare sulla luna e camminare sulla luna.

Futura: oltre 22.000 candidature per la selezione degli astronauti nel 2022 dall’Agenzia spaziale europea. Sei contento che gli astronauti siano così popolari oggi in Europa?

Matteo Maurer: Sì, è chiaro: i giovani sono interessati allo spazio. Questo è un argomento molto importante per il futuro e per la nostra società. Durante la mia selezione, avevamo solo 8.500 candidati. Se ce ne sono 22.000, potrei non essere stato selezionato.

Matteo Maurer: Sono stato selezionato nel 2009. Facevo parte di un gruppo di 10 finalisti. Abbiamo superato tutti gli esami con grande successo, quindi pensavo già che sarei diventato un astronauta. Poi è venuto il direttore generale dell’Agenzia spaziale europea e ha detto che, sfortunatamente, aveva solo sei biglietti, e gli altri quattro, e io sono uno di loro, non diventerò mai un astronauta. Per me è stato davvero un momento molto difficile perché credevo in lei. Il direttore generale ha offerto a noi quattro di lavorare presso l’Agenzia spaziale europea in un’altra posizione. Gli altri tre non volevano, quindi ho detto di sì. Quattro anni dopo, l’Agenzia spaziale europea sta espandendo il suo contributo al programma della Stazione spaziale internazionale, il che significa più voli in arrivo. Ha detto che il direttore generale è venuto a trovarmi. Matias, ricordi ancora tutto il tuo sogno? Vuoi ancora? “E io dico” Eh, ma certo! Ad esempio, devi avere un sogno ma devi anche avere perseveranza. Se non funziona oggi, potrebbe funzionare domani.

READ  100€ di sconto su questa fotocamera Sony per foto eccezionali quest'estate

Futura: Quale sarà il tuo ruolo nell’integrazione dei nuovi arrivati?

Matteo Maurer: Noi adulti li aiuteremo, daremo consigli, come mentori. Il mio collega Alexander Gerst sarà responsabile di Questo nuovo gruppo nei prossimi due o tre anni. Forse ci sarà una rotazione nella nostra squadra. Comunque, noi astronauti siamo una piccola famiglia!

Futura: Che consiglio daresti ai giovani che vogliono diventare astronauti?

Matteo Maurer: Non si sa quando avverrà la prossima selezione. Lo spazio è davvero dinamico, con il settore commerciale, e vedremo più opportunità di volare nello spazio. Forse la prossima scelta arriverà prima? L’importante è avere quel sogno, e anche perseverare perché non sarà facile. Devi essere bravo in quello che fai, a scuola, negli studi, e devi davvero fare tutto quello che fai. La cosa più importante è lavorare bene come squadra. Uno astronauta Chi lavora da solo non è un buon astronauta.

Futura: Tra le missioni che potrà svolgere ci sarà la luna

Matteo Maurer: Prima voleranno verso la Stazione Spaziale Internazionale e poi avranno l’opportunità di raggiungerla Luna. Dal momento che sono ancora giovani, possono volare lì Marte ?