Campania EVIDENZA video

Incendio a Sarno, la rabbia del sindaco: “Ogni mezzo per proteggerti”

incendio

Un vasto incendio, probabilmente di natura dolosa, ha colpito ieri il monte Saretto che sovrasta Sarno. Il sindaco Canfora: “Assassini della nostra terra”

Sarno mia, Sarno nostra, non sappiamo più come difenderti. La rabbia che abbiamo adesso diventerà un motivo ancora più forte per continuare a cercare ogni mezzo, ogni strada per proteggerti”. Inizia così il lungo sfogo del sindaco di sarno, Giuseppe Canfora, che utilizza il social facebook per raggiungere i suoi cittadini e per esprimere la rabbia e la delusione di quanto è acccaduto ieri sul monte Saretto.

Per fermare il grave incendio sono giunti i volontari della protezione civile da tutta la Regione Campania, dando man forte ai Vigili del Fuoco nelle operazioni di spegnimento. Anche la sezione della Protezione Civile di Cava de’ Tirreni è intevenuta.

Trascorsa la notte di terrore, dove diverse abitazioni sono state evaquate, questa mattina la situazione sembra essere rientrata.

Anche il Vescovo, Mons. Giuseppe Giudice, pregando e in contatto con le Istituzioni civili e religiose, ha seguito nella notte il vasto incendio.”Come Pastore, a tutti ricordo di custodire e non offendere il creato e le creature, rispettando e adorando in tal modo il Creatore, Signore di tutto e di tutti“.

Intanto questa mattina scuole chiuse.

L’incendio è rientrato, tuttavia quel che attanaglia adesso gli esperti è il rischio idrogeologico. L’ombra di quanto successo nel cinque maggio del 1998 potrebbe ripresentarsi con l’avvicinarsi della stagione invernale.

laRed TV





Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi