Dicembre 1, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

In Ucraina la regione di Kherson è divisa in due parti: “il loro villaggio è pieno di soldati russi”

Per Olena Chernyavska, la tanto attesa liberazione di Kherson, la sua città, è stata una gioia venata di amarezza: sua madre vive ancora sotto la dominazione russa, in un villaggio a pochi chilometri di distanza. “Mi sveglio ogni mattina e controllo le notizie per vedere se va bene dove vivi”, dice Olena, 41 anni.

La comunicazione tra le due donne è stata sporadica e dipendente da un segnale telefonico volubile da quando le forze russe hanno distrutto l’alimentazione elettrica di Kherson durante il loro volo a metà novembre. “Sono stato in grado di parlarle, dirle quasi tutto quello che volevo dirle, ma la connessione è stata interrotta”, dice Olena.

A pochi giorni dall’inizio dell’invasione dell’Ucraina alla fine di febbraio, le forze russe hanno invaso vaste aree del sud del paese, attraversato il fiume Dnepr e catturato Kherson, prima di essere fermate dall’esercito ucraino.

Il fiume, che attraversa l’Ucraina, ora separa la regione di Kherson in due parti: la sponda occidentale liberata e controllata dall’Ucraina, la sponda orientale sotto l’occupazione russa.

Le famiglie sono sparse su entrambe le sponde del fiume.

“Sii paziente”, hanno incoraggiato la popolazione liberata

“Mio fratello, mia sorella, mia nipote e mia nipote”, invece, spiega Natalia Olkovikova, 51 anni, residente a Kherson. “Siamo molto preoccupati perché sappiamo che tutto il loro villaggio è pieno” di soldati russi, continua, prima di riprendersi: “Non dovrei dire di più per la loro sicurezza”.

In città la gente si mette in fila per gli aiuti umanitari, sullo sfondo delle esplosioni dei razzi Grad e del fuoco dell’artiglieria pesante: l’esercito ucraino continua a prendere di mira le postazioni russe sulla sponda orientale, dove vivono anche i parenti di Tatyana Malyutin.

READ  In Francia Elizabeth Bourne nomina primo ministro: la stampa mista francese

“Stanno aspettando il loro rilascio”, ha detto l’operatore sanitario di 54 anni che lavora in ospedale. “Erano felici e ci hanno chiamato quando hanno sentito la buona notizia l’11 novembre”, dice, annunciando il ritiro dell’esercito russo. Ho detto loro: abbiate pazienza.

Tuttavia, il fiume Dnepr è un grosso ostacolo alla continuazione della controffensiva ucraina. I ponti che collegano le due sponde vengono distrutti e un assalto anfibio frontale alle posizioni russe trincerate si rivela troppo pericoloso.

“È probabile che le forze ucraine avranno difficoltà a ottenere successi così sbalorditivi nella parte orientale della regione di Kherson, ma potrebbero interrompere gli sforzi russi per rafforzare e mantenere le loro linee difensive”, ha scritto di recente il think tank. Americano, Istituto per lo studio della guerra.

Olga Marchenko, 47 anni, racconta la sua frustrazione per non sapere per quanto tempo le forze russe occuperanno l’altro lato, dove vive la sua famiglia. “E quando verranno rilasciati, speriamo di trovarli”, sospira.