Novembre 30, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

In Turchia, il presidente Erdogan propone di tenere un referendum sull’indossare il velo

“Se hai il coraggio, vieni, sottoponiamo questo a un referendum (…) che decida la nazione”, ha lanciato il capo di Stato turco rivolgendosi al leader del principale partito di opposizione, Kemal Kilicdaroglu, che aveva inizialmente proposto una legge garantendo il diritto di indossare il velo.

In risposta al presidente turco, il signor Kilicdaroglu ha respinto l’idea di tenere un referendum sabato sera, accusandolo di “imitazione” del leader nazionalista ungherese Viktor Orban, che è diventato un simbolo dei diritti crudeli.

“Hai intenzione di imitare Orban, Erdogan? (…) Dove prendi il referendum? Se non scappi, questa domanda sarà risolta. Gli uomini non potranno più dire la loro in abiti da donna . Hai quel coraggio?”

Il dibattito sull’indossare il velo si è recentemente acceso in Turchia in vista delle elezioni presidenziali e parlamentari previste per il 2023.

A maggioranza musulmana, ma avendo sancito il secolarismo nella sua costituzione, la Turchia è da tempo un Paese in cui il velo è vietato nei servizi pubblici, nelle scuole e nelle università.

Ma le restrizioni sull’indossare il velo sono state revocate nel 2013 dal governo Erdogan.

Il presidente turco si presenta spesso come il protettore dei musulmani contro le “élite” laiche, nel senso che senza di lui sarebbero in gioco “guadagni” come l’abolizione delle restrizioni sull’indossare il velo.

A differenza degli anni ’90, quando l’uso del velo ha acceso accesi dibattiti, nessun movimento politico oggi ha proposto di vietarlo in Turchia.

“Abbiamo commesso degli errori in passato riguardo al velo… È ora di lasciarci questa domanda alle spalle”, ha lanciato all’inizio di ottobre Kilicdaroglu, presidente del Partito popolare repubblicano (CHP, socialdemocratico) e ha proposto una legge per garantire il diritto di indossare il velo.

READ  Il soggiorno di Donald Trump a Mar-a-Lago, una calamita per le spie

Creato dal fondatore della Turchia moderna, Mustafa Kemal Ataturk, il CHP è noto per essere un convinto difensore del secolarismo.

Secondo gli osservatori, Kılıçdaroğlu ha voluto mostrare agli elettori conservatori – che tradizionalmente votano per il Partito per la giustizia e lo sviluppo di Erdogan, il partito di Erdogan – che non avevano nulla da temere in caso di cambio di potere.

Di fronte a questo tentativo di riconquistare voti conservatori, Erdogan ha risposto all’inizio di ottobre chiedendo una modifica costituzionale in materia.

Ha annunciato senza fornire ulteriori dettagli nel testo che il capo di Stato turco propone di sottoporre al referendum, ci sarà anche una clausola anti-LGBT, volta a “rafforzare la protezione della famiglia”.

“Una famiglia forte significa una nazione forte. (…) Possono esserci persone LGBT in una famiglia forte? No”, ha detto.

“Come rappresentanti della volontà del popolo, proteggiamo la nostra nazione dagli attacchi di correnti perverse e malvagie”, ha aggiunto.