Febbraio 2, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

In Svezia è stata fatta una scoperta straordinaria: una buona notizia per l’Europa ma non necessariamente per la Cina

La Svezia ha annunciato giovedì la scoperta del “più grande deposito conosciuto” di terre rare in Europa, un piccolo passo verso una maggiore autonomia per l’antico continente desideroso di ridurre la sua dipendenza dalla Cina per questi minerali essenziali per la transizione verde.

Più di 1 milione di tonnellate: le riserve stimate di giacimenti individuati nella regione mineraria di Kiruna, nell’estremo nord del Paese scandinavo, fanno ben sperare per l’industria europea che ha bisogno di questi minerali per realizzare auto elettriche o più turbine eoliche.

“Questo è il più grande stock conosciuto di elementi di terre rare nella nostra parte del mondo e potrebbe diventare un importante elemento costitutivo per la produzione di materie prime così critiche per la transizione verde”, Jan Mostrom, CEO del gruppo minerario svedese LKAB, si è rallegrato all’origine della scoperta.

Dobbiamo evitare di ritrovarci in uno stato di dipendenza

Resta da determinare l’esatta estensione della vena, ma secondo le stime attuali rappresenterebbe meno dell’1% delle riserve mondiali, stimate finora in 120 milioni di tonnellate dall’USGS.

Tuttavia, la scoperta è una buona notizia per un’Unione europea eccitata dalla sua dipendenza energetica dalla Russia e che ora cerca di emanciparsi nel campo delle terre rare.

Al momento, il 98% delle terre rare utilizzate nell’Unione Europea viene importato dalla Cina, e quindi ha un monopolio virtuale in questo settore. Il nostro fabbisogno di terre rare da solo si moltiplicherà per cinque entro il 2030. Lo ha detto la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen nel suo discorso sullo stato dell’Unione lo scorso settembre.

READ  La Banca nazionale svizzera vuole aumentare i suoi tassi di circa il 10%

Dobbiamo evitare di trovarci nuovamente in uno stato di dipendenza come nel caso del petrolio e del gas. E ha messo in guardia, annunciando in questa occasione l’elaborazione di un regolamento europeo sulle materie prime importanti, che è tuttora in corso.

Diversificare l’origine delle sue importazioni

Tra gli sforzi dell’UE per frenare il riscaldamento globale, l’UE ha posto fine alle vendite di nuove auto a benzina e diesel a partire dal 2035, da sostituire con modelli elettrici.

“L’elettrificazione dell’Unione europea, l’autosufficienza e l’indipendenza dell’Unione europea dalla Russia e dalla Cina inizieranno nella miniera”, Lo ha confermato il vicepremier e ministro dell’Economia e dell’Energia svedese Ebba Bush, il cui Paese detiene dall’inizio dell’anno la presidenza di turno dell’Unione.

Il LKAB, un gruppo pubblico, è stato annunciato durante una visita a Kiruna da una delegazione della Commissione europea. A breve termine, la signora Bush ha sottolineato l’importanza che l’UE “diversifica” l’origine delle sue importazioni. “Ma a lungo termine, non possiamo fare affidamento esclusivamente sugli accordi commerciali”., ha detto. Secondo LKAB, “un lungo cammino” deve ancora essere percorso prima che il deposito possa essere sfruttato.

“Impatto significativo”

Alla domanda su quando prevedere i primi assi, Mostrom ha risposto che dipenderà dalla domanda delle case automobilistiche e dalla velocità di ottenimento delle licenze necessarie che, nella sua esperienza, richiederebbero “tra i 10 ei 15 anni”.

“Sono sicuro che avrà un impatto enorme”. Per ridurre la dipendenza dalla Cina, ha spiegato all’AFP, stimando che i giacimenti di Kiruna consentiranno di fabbricare “una parte significativa” dei magneti utilizzati nei motori delle auto elettriche prodotte in Europa entro il 2035.

La Svezia ha già un deposito grande, ma più piccolo, a Norra Kärr, nel sud del paese. Questo non è attualmente in uso. In Europa, attualmente non esiste una miniera di terre rare, secondo LKAB.

READ  "E solo con una carta di credito ... scandaloso!" Karim si lamenta

Oltre ai magneti permanenti per turbine eoliche e auto elettriche, alcune di queste terre rare vengono utilizzate per realizzare schermi televisivi, droni o persino dischi rigidi. Per sostituire gli idrocarburi e raggiungere la neutralità del carbonio nel 2050, l’Unione Europea avrà bisogno di 26 volte più terre rare entro quella data rispetto a adesso, ha calcolato KU Leuven.