Agosto 12, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

In Lussemburgo: 65 ore settimanali con tre lavori, solo per “riempire il frigo”

pubblicato

ESCH-SUR-ALZETTE – Cresce il numero dei lavoratori poveri in Lussemburgo. Quasi tre su 100 devono raccogliere almeno due lavori per finire il mese. Julia, 48 anni, racconta la sua vita quotidiana.

Pixel

“Cosa pensano le persone intorno a me? Non capiscono e pensano che io sia pazza. Julia*, 48 anni, è il cosiddetto lavoratore povero. Il suo appartamento di 50 metri quadrati a Esch-sur-Alzette da solo pesa “935 euro di affitto e 165 euro di canone” nel suo budget mensile. Troppo per una segretaria qualificata al salario minimo. Molto, anche, per una mamma single. Julia ha tre figli, ma aveva un’adolescente sotto il suo tetto solo sette anni fa quando ha deciso di prendere l’iniziativa e cercare almeno un’attività professionale aggiuntiva. Quasi tre persone su 100 si trovano in questa situazione in Lussemburgo, secondo l’ultimo Panorama sociale della Camera del personale.

Con poca esperienza come cameriera, ho fatto domanda per fare un lavoro extra in un bar e sono stata accettata. Segretario di giorno, dietro al bancone la sera “tre-quattro volte a settimana”. Alcune sere, Julia finisce il suo lavoro straordinario all’una di notte e deve alzarsi alle 5:30 per onorare le 40 ore settimanali di lavoro di segreteria. Nella direzione opposta, quando le viene chiesto, esce dall’ufficio alle 16:00, “va a casa a farsi una doccia” e torna al bar. In aggiunta a tutto questo, fa delle pulizie, ogni sabato, per i parenti.

“Sono energico, non lo sopporto a casa”

In totale, Julia è in grado di lavorare “fino a 65 ore” a settimana. Ha questo ritmo dal 2015, ma non può fermarsi adesso, anche se anche sua figlia ha lasciato l’appartamento di famiglia. “Non vado in vacanza o in campeggio. Non ho vestiti di marca, non ho una macchina, non ho credito. È tutto per vivere una vita decente, riempire il frigo, pagare bollette e pettinarmi i capelli”, spiega il belga-lussemburghese degli anni ’40.

“Invece di piangere il mio destino, mi sono rimboccato le maniche.” Sacrifici quotidiani che, dice, hanno dato impulso alla sua vita sociale, oltre a mettere un po’ di burro negli spinaci. “Sono attivo, non mi annoio a casa. Finché non sono su un tapis roulant, andrò avanti”. Quindi non c’è un leggero fatalismo, ma a volte un leggero senso di ingiustizia, lo stesso: “Essere in questa situazione in Lussemburgo, sì può sembrare paradossale. Ma faccio ancora le cose che mi piacciono. Il mio frigorifero è pieno e posso mangiare gelato con i Miei figli quando vengono a trovarmi”.

READ  La US Medicines Agency ha scoperto che le pillole anticoncezionali di Merck sono efficaci