Dicembre 10, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

In Belgio le stazioni di servizio sono state prese d’assalto dai francesi: è possibile che la carenza di carburante arrivi qui?

La domanda di carburante nelle stazioni di servizio vicino al confine francese è aumentata del 15-20% negli ultimi giorni.

Un mese fa, i belgi hanno attraversato il confine per fare rifornimento a un prezzo competitivo in Francia. La situazione è cambiata dopo la chiusura delle raffinerie francesi. A Burin e Haster, nel sud di Namur, controlliamo regolarmente le scorte di carburante, perché negli ultimi giorni il numero di clienti dalla Francia è aumentato notevolmente.

A Givet, alcune delle pompe sono asciutte. Quindi è del tutto naturale che i francesi si rivolgano verso i vicini comuni belgi. Da parte di Boring, le code cominciavano lentamente ad allungarsi. Verso Hastière, la folla aumenta di giorno in giorno. Alla stazione Esso del Gruppo Warin la situazione è simile.

Con le raffinerie chiuse dall’altra parte del confine, i belgi stanno riguadagnando alcuni clienti persi dopo la decisione francese di abbassare i canoni di produzione o addirittura il gesto di Total Group (a settembre e ottobre meno 20 centesimi e 10 centesimi negli ultimi due mesi dell’anno).

Nel caso in cui l’accesso ai filtri venga sbloccato, allora tutto non tornerà immediatamente alla normalità. Sarà necessario riavviare le raffinerie e riprogrammare la trasmissione.

In Francia, tutte le pompe sono quasi vuote

Pertanto, la carenza di carburante in alcune pompe di benzina francesi spinge i lavoratori transfrontalieri a fare rifornimento in Belgio. “In Francia tutte le pompe sono praticamente vuote. Sono venuto qui perché sono quasi asciutto”dice un francese.

Quando c’è carburante in Francia, perché venire in Belgio dove il carburante è più costoso? “Evita lunghe code. Preferirei venire qui, risparmiare tempo.”

Se le cinque raffinerie francesi bloccate sono di nuovo operative, il rifornimento non sarà immediato. “Per riavviare una raffineria, in realtà, serve un po’ di tempo per riabilitarla. Non si farà in 24 ore per rifornire tutte le stazioni di servizio in Francia. Si va da sud a nord. La strada. Potrebbe essere una settimana prima di poter trovare una situazione di carburante”. normale nelle stazioni francesi. I belgi saranno in grado di soddisfare la domanda dei francesi”, afferma Olivier Neirinc, Direttore tecnico di Bravco, la Federazione belga dei commercianti di carburante e carburante.

READ  Di fronte a un'inflazione "troppo alta", la Banca centrale europea effettua il più grande aumento dei tassi da oltre 20 anni

La mancanza di carburante nella pompa, di cui soffre attualmente la Francia, c’è il rischio che raggiunga il Belgio? “No, perché l’intero strumento di raffinazione e logistica del petrolio è pienamente operativo senza alcun problema in Belgio. Non ci sono procedure di sciopero e quindi possiamo garantire che le stazioni di servizio saranno rifornite in tempo e in tempo. Non rischiamo di avere una situazione simile a quello che potremmo avere in Francia”, Conclude Olivier Nerink, Direttore Tecnico di Bravco, la Federazione Belga dei Commercianti di Carburanti e Carburanti.