Attualità EVIDENZA

Imprese balneari: Boccia promette raccordo Ministeri-Regioni e una mappatura

Boccia: “Presto una mappatura su tutto il territorio italiano che darà allo Stato un quadro definitivo della condizione degli stabilimenti balneari”

Le concessioni degli stabilimenti balneari al centro dell’incontro tenutosi questa mattina presso a Bari alla presenza, tra gli altri, del Ministro degli Affari Regionali, Francesco Boccia, il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano e una delegazione dei sindacati dei balneatori regionali e di Anci e Upi.

“I concessionari del demanio marittimo che svolgono l’attività d’impresa – commenta Emiliano – a volte da decenni di gestione delle nostre spiagge, dei nostri impianti balneari sono ad un bivio: esiste una direttiva europea che obbliga a fare delle gare per favorire la concorrenza, ma queste gare rischiamo di compromettere il ruolo di questi soggetti che con le loro famiglie da decenni tutelano le nostre coste e assicurano la fruizione balneare”

“Bisogna trovare un punto di equilibrio, perché chi gestisce una spiaggia – ha spiegato Emiliano – non è come chi gestisce una miniera o una linea telefonica o è un grande concessionario dello Stato. A volte è una piccola azienda che di anno in anno migliora gli investimenti e consente alla Puglia, speriamo anche 365 giorni all’anno, di utilizzare le coste, migliorando anche la qualità turistica”.

Per Emiliano “Queste imprese sono quelle che puliscono l’immondizia che purtroppo il mare sputa sulle nostre spiagge, sono le imprese che tutelano i turisti, qualche volta anche durante l’inverno, sono quelle che sorvegliano in generale lo stato della natura e la qualità dell’ambiente. Certo, c’è sempre qualche pecorella nera come in tutte le famiglie, dove forse c’è qualcuno che ha esagerato e ha costruito fuori da quello che è permesso facendo cose sbagliate o che pretenda di utilizzare il luogo come se fosse di sua proprietà. Ma queste sono cose che si possono correggere e credo che molte di queste correzioni siano intervenute. Quello che noi non possiamo tollerare è che questa gente sia presa in giro.

Il ministro Boccia – dal canto suo – ha riconosciuto che “Il tema è molto serio ed è legato all’incoerenza che c’è tra le scelte che sono state fatte dal precedente governo e il quadro comunitario”.

Secondo il Ministro “Il precedente governo doveva fare un decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri entro il 30 aprile 2019: quel decreto non è mai stato emesso e ora noi stiamo raccordando tutta questa attività con ben quattro ministeri, perché serve la competenza Comunitaria, le Infrastrutture, i Beni culturali e del turismo e gli Affari regionali perché serve coinvolgere tutte le Regioni italiane che, com’è noto, hanno tutte competenze connesse a questa attività che l’attività strategica per il Paese.  Quello che gli stabilimenti balneari significano per il nostro Paese è noto a tutti e abbiamo il dovere – ha ribadito – di rimettere insieme i cocci che abbiamo ereditato. Siccome agli imprenditori non si possono dire cose che poi non si realizzano, il mio passaggio a Bari con il presidente Emiliano è intanto di rassicurazione: ho voluto trasmettere loro un messaggio di fiducia e sarò alla loro iniziativa di marzo”.

La speranza di Boccia risiede nell’avere anche alcune risposte, “sia da Bruxelles che dal coordinamento dei quattro ministeri”. “La cosa chiara tutti è che servono imprese che possano investire nel tempo e le imprese investono nel tempo – ha rimarcato Boccia – se lo Stato è in grado di dire cose molto chiare. In questo momento ci sono operatori straordinari che fanno investimenti importanti e hanno un impatto occupazionale importante e operatori che vivono con concessioni che volte sono risibili e non possiamo trattarli tutti allo stesso modo”.

“E presto – ha annunciato Boccia – partirà una mappatura su tutto il territorio italiano che darà allo Stato un quadro definitivo della condizione degli stabilimenti balneari”.

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi