Cava de' Tirreni Politica Salerno Salute Sport video

Impianti sporivi, mano al regolamento per l’utilizzo e la gestione

A Palazzo di Città si lavora ad un nuovo, ennesimo, regolamento per l’utilizzo e gestione degli impianti sportivi. Le dichiarazioni del consigliere Canora.

Cava de’ Tirreni. Lavori in corso per la revisione – ci sia augura definitiva e permanente – del regolamento per l’utilizzo e la gestione degli impianti sportivi comunali. Ad annunciarlo è stato il consigliere di maggioranza Eugenio Canora nel corso dell’ultima assise cittadina. Ci si sta lavorando da mesi e entro la fine di ottobre dovrebbe essere pronta la bozza che passerà al vaglio della commissione competente prima e del consiglio comunale poi. Un lungo iter che vede, spiega Canora, porterà associazioni e imprenditoria privata ad investire sui lavori di manutenzione scomputando i lavori sui canoni di locazione. “Un procedimento a scalare per ristrutturare palestre anche con fondi comunali. L’obiettivo del gruppo di lavoro – dichiara Eugenio Canora – è quello di risolvere un problema che dura da molti anni”. Il gruppo di lavoro si è riunito sette volte e vede la presenza anche dell’Assessore al ramo, Enrico Polichetti.

Sui regolamenti degli impianti sportivi si è intervenuto molte volte.

Quello per l’utilizzo e la gestione degli impianti sportivi è forse tra i regolamenti che ha subito il maggior numero di modifiche, anche frequenti, nel corso degli ultimi anni. Variazioni e aggiustamenti specchio di una situazione instabile non solo in termini di norme ma sopratutto dal punto di vista dei fatti. Il problema della manutenzione, anche solo ordinaria, delle palestre comunali è un cruccio che le varie amministrazioni si trascinano da anni senza riuscire a trovare una soluzione definitiva e duratura. Così si è provato con l’aumento delle tariffe per l’utilizzo – introiti aggiuntivi che sarebbero dovuti confluire nel capitolo per i lavori di manutenzione; o ancora l’idea di predisporre una sorta di “comitati di rappresentanza” delle società che utilizzano un singolo impianto. Buono propositi che però, al momento, non hanno portato i risultati sperati e le palestre oggi versano in condizioni ai limiti dell’impraticabilità.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi