Luglio 1, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Immigrati: Le zone grigie di una stazione di polizia francese sul suolo italiano

Si tratta di un semplice ufficio amministrativo situato sul versante italiano del confine, all’uscita del Tunnel del Gelo.

La sua unicità? La Francia è stata accusata di trattenere gli immigrati per essere consegnati alla polizia italiana “al di fuori di ogni quadro giuridico”.

L’edificio, un lucido blocco rettangolare, era condiviso dalla Polizia di frontiera francese (PAF) e dalle autorità italiane, tra il casello della metropolitana che porta in Francia e il passo di montagna che porta al villaggio italiano di Bardonesia.

C’è una lunga panca nera, una scrivania, due computer e alcune sedie nell’area dove la polizia francese colloca i candidati all’espulsione.

È qui che queste persone vengono portate, spesso con autobus a basso costo.

Altri vengono arrestati a bordo della BlaBlaCar o nascosti nei camion.

La Pauf redige un documento che certifica il “divieto di ingresso” in territorio francese, e contatta la polizia italiana, portandola talvolta alla stazione di polizia di Bardonesia solo il giorno successivo.

“Stiamo per intercettare persone sul suolo italiano e informarle di un reato che non è stato ancora commesso. Soprattutto sta privando un certo numero di persone della possibilità di chiedere asilo. Uscendo dai locali che ha visitato, ha è stato avvertito dall’Associated Fabric.

– 8.000 rifiuti nel 2021 –

“Non possiamo uscire da una tale situazione di ambiguità giuridica. Inoltre, non sappiamo come chiamare questo luogo. Ma è un luogo di privazione della libertà e detenzione arbitraria. Dobbiamo chiarire il quadro giuridico di questo luogo”.

Il ministero dell’Interno ha detto all’Afp che i detenuti “non sarebbero stati privati ​​della loro libertà perché avrebbero potuto tornare nella loro zona in qualsiasi momento”.

READ  Eni italiana soddisfa le richieste di Mosca per il pagamento del gas russo

Dal ripristino dei controlli alle frontiere interne nel 2015, il ministero sostiene che la “non ammissione” emessa dal BAF in questo edificio dell’Ufficio nazionale di controllo di Jaxstopost (PCNJ) è completamente legale.

Sulla base delle 8.072 “disposizioni amministrative” entro il 2021, dell’ordinanza del 1965 e della “Conferenza tra Francia e Italia sul PCNJ”, i controlli sono possibili in quest’area “nel territorio dello stato limitrofo”. Intendo la Francia, sottolineiamo Place Puebla.

È chiaro che a questo complotto italiano si applica “la legge francese”, ha promesso Boff Stephen al comandante di divisione del Cueval, interrogato sulla detenzione nei pressi della stazione ferroviaria di Moden (Chaoi) durante un’altra visita locale del senatore lunedì mattina. , Confine con l’Italia.

– “Giochi umani” –

I sindacati hanno scoperto la presenza del sito dopo gli attentati del novembre 2015 quando è stato sequestrato dai consiglieri di stato da parte delle guardie dell’immigrazione che hanno condannato l’illegalità di limitare i controlli all’interno.

“Questa non è una zona d’attesa, una stazione di polizia o un centro di detenzione. Tuttavia, lì stiamo praticando la ristrutturazione”, osserva Amélie Blanchot, dell’Associazione nazionale per l’assistenza agli affari esteri (Anafé).

“Il problema è che (…) non c’è accesso ai diritti, e viene da chiedersi quanti posti come questo siano fuori vista”, aggiunge l’associazione, impossibilitata ad entrare nell’edificio quando è intervenuta. Un esempio del buff nel mod.

I rimpatriati “Olks (città di frontiera italiana, che funge da precursore del segreto occulto, ndr) poi attraversa le montagne del Monginevro”, afferma Miriam Lidoni-Denis, vicepresidente di Anvita (Associazione nazionale delle città e dei territori di accoglienza), con Guillermo Gordar.

READ  Brian Laundry: Il medico legale e il corpo sono stati chiamati al parco per cani, dove gli investigatori hanno trovato gli oggetti nella lavanderia.

“Quindi questa ambiguità legale porta a una catena di non accesso ai diritti che si conclude con una tragedia umana”.