Luglio 6, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Immersione nel centro di custodia cautelare di Limoges

Dalla legge del 1994, i detenuti hanno gli stessi diritti all’assistenza e alla copertura sociale degli estranei. Il settore degli ospedali pubblici è responsabile di garantire questo follow-up.

L’unità sanitaria del carcere di Limoges si trova al secondo piano dell’edificio, in cima a una piccola scala a chiocciola. Per arrivarci, il personale medico deve passare attraverso nove porte e, ovviamente, mostrare la pasta bianca, come ogni visitatore. Il supervisore carcerario è sempre presente.

L’unità sanitaria è gestita dal personale ospedaliero, che ha sede presso l’Ospedale Universitario di Limoges. Ci sono quattro infermieri che lavorano a tempo pieno, 7 giorni su 7, e medici, psichiatri e altri specialisti, tutti volontari nell’intervento in carcere, lavorano a turni.

Il Legge 18 gennaio 1994 In materia di salute pubblica e protezione sociale, ha cambiato radicalmente l’assistenza sanitaria dei detenuti integrandoli nel sistema sanitario di diritto comune.
Da allora, l’accesso all’assistenza sanitaria è stato riconosciuto come un diritto fondamentale dei detenuti, che possono beneficiare della protezione sociale allo stesso modo di un ambiente libero.

L’assistenza sanitaria ai detenuti, che fino ad allora era stata amministrata dall’amministrazione carceraria, è stata trasferita al servizio pubblico dell’ospedale.

I detenuti hanno una salute generale peggiore rispetto alla popolazione generale: “Dovresti sapere che riceviamo prigionieri che già soffrono di cattive cure all’estero, spesso con uno stile di vita scadente, tossicodipendenza o altro”.Spiega la dott.ssa Beatrice Joffre, una dei medici di base che lavora nell’unità sanitaria.

Inoltre, alcune malattie possono essere esacerbate dalla vita in un istituto carcerario, dal sovraffollamento delle pene e dai problemi associati alla mescolanza e all’igiene: HIV, epatite, dipendenza, disturbi della salute mentale, ecc.

READ  L'oceano perde la memoria (che è molto inquietante)

“Per quanto riguarda il consumo di sostanze, siamo vicini al 90%, anche se non c’è necessariamente una malattia che crea dipendenza”.afferma Pierre Villiger, uno psichiatra delle dipendenze affiliato a CH Esquirol, “Oltre a questo, c’è anche il trauma della reclusione. Questi vanno dalla psicoterapia di supporto allo screening per i disturbi depressivi più anziani, dove possiamo offrire cure e prospettive aperte”..

Diversi specialisti lavorano anche presso il centro di custodia cautelare di Limoges.
Così il radiologo del CHU si reca una volta alla settimana per effettuare le riprese di screening della tubercolosi per i nuovi detenuti.
Un oculista, psichiatra, ginecologo, fisioterapista, gastroenterologo e dentista effettuano i turni, tra una o due volte alla settimana per alcuni, e una volta al mese per altri.

Il team di assistenza, in particolare gli infermieri, svolge un importante lavoro preventivo, ad esempio lo screening del cancro al seno in occasione di Pink October.

A seconda delle esigenze e della natura dell’emergenza, i detenuti possono essere assistiti direttamente in ospedale. “Chiamiamo SOS Medici o Samu 87 che possono viaggiare per prendersi cura di un detenuto. Se un detenuto deve essere portato fuori o portato al CHU alle 22:00 o alle 3:00, ci presentiamo”.Ha rassicurato il direttore del centro di detenzione preventiva di Limoges, Mohamed Al-Dardi.

L’unità sanitaria del centro di custodia cautelare di Limoges registra una media di 45 abbonamenti al giorno. Un numero elevato rispetto ai 130 detenuti nell’istituto, che indica quanto sia importante la sanità, dal punto di vista prettamente medico e psicologico.