Maggio 23, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Immagine dell’hockey belga macchiata

La decisione della federazione ha risuonato come un vero fulmine per condannare Leopold nel caso dei suoi giocatori argentini. Ma questa sentenza sarà sicuramente vantaggiosa per il futuro per un sistema che ha costantemente insistito sui valori del fair play e dell’integrità sportiva.


Questo articolo è riservato agli abbonati

Tempo di lettura: 5 minuti

cÈ un vero e proprio terremoto quello che da giovedì sera ha agitato il mondo dell’hockey belga e la sentenza emessa dal Comitato di Sorveglianza della Federazione Belga (ARBH) nel caso Monga-Albertario, che ha eliminato il club Leopold ritirandosi da tutte le partite che i due giocatori argentini giocato nel primo round della competizione Honours Division. Una decisione che squalifica l’Ucclois dai playoff maschili (e la costringe a gareggiare nei playoff) e spinge la sua squadra femminile in Division 1. Un dossier complesso e tecnico, ma una decisione giusta e intelligente per il continuo sviluppo della disciplina nel nostro Paese. Questa sentenza introduce anche una giurisprudenza che impedisce ad alcuni di continuare a giocare con il fuoco sfruttando alcune zone d’ombra della normativa.


Questo articolo è riservato agli abbonati

Con questa offerta, goditi:
  • Accesso illimitato a tutti gli articoli, file e report della redazione
  • Il giornale in versione digitale
  • Comodità di lettura con annunci limitati

READ  L'Union fait plier le Standard en seconde mi-temps (1-3) et est assurée d'un ticket européen