Luglio 1, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Imbecille calvo”: insultato, condanna il capo della fabbrica per molestie sessuali

“Con de bald”: un insulto che di certo non piace, ma è stato giudicato nel Regno Unito come molestia sessuale. Questa è infatti la sentenza di un collegio di 3 giudici della Corte industriale del Regno Unito, a seguito della denuncia di Tony Finn, che è stata respinta dopo 24 anni di lavoro per un’azienda manifatturiera nel West Yorkshire, Decisione del guardiano.

Durante una discussione in un seminario nel luglio 2019, il suo supervisore lo ha effettivamente trattato come “fica pelata”, che può essere tradotta come “fica pelata”. Stranamente, la persona “calva” ha fatto il maggior danno al dipendente.

La caduta dei capelli è più comune negli uomini che nelle donne, quindi usarla per descrivere qualcuno è una forma di discriminazione. Commentare la calvizie di un uomo al lavoro equivale a commentare le dimensioni del seno di una donna, suggerisce la sentenza.

È difficile concludere che il signor King abbia pronunciato queste parole con l’intento di violare la dignità di Finn e creare un ambiente che lo spaventa, è ostile, umiliante, umiliante o offensivo.Io, “Il giudizio è finito”. Per sua stessa ammissione, l’intento di Mister King era quello di minacciare e insultare Fen. A nostro avviso, esiste una relazione tra la parola “calvo” da un lato e una caratteristica specifica del genere dall’altro.“.

READ  In Afghanistan, leader talebano ordina la protezione dei diritti delle donne