Agosto 15, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il tragico destino dello stravagante stilista italiano

modalità

25 anni fa, lo stilista Gianni Versace è stato assassinato a sangue freddo da Andrew Cunanan. Dai un’occhiata alla sua abbagliante carriera e alla sua tragica fine.

15 luglio 1997, Miami Beach. Due scene risuonano davanti alla magnifica villa “Casa Casuarina” situata su Ocean Drive a Miami Beach. Molto rapidamente, le informazioni cadono: Gianni Versace, il grande stilista italiano, è stato assassinato all’ingresso della sua residenza. La notizia sconvolge il mondo intero e, soprattutto, suscita alcune domande senza risposta.

Il piccolo assassino che lo stava aspettando nelle vicinanze gli ha sparato due volte. L’autore del filmato è stato presto identificato come Andrew Cunanan, un serial killer di 27 anni nella lista dei 10 criminali più ricercati dal Federal Bureau of Investigation (FBI).

Villa “Casa Casuarina” situata su Ocean Drive a Miami Beach. © Flickr Creative Commons, Glynlowe.com.

Gianni Versace, 50 anni al momento della sua morte, era allora all’apice della sua carriera e capo di un impero di lusso e glamour. Nata a Reggio Calabria, nel sud Italia, il 2 dicembre 1946, ha sviluppato la sua passione per la moda nel laboratorio di cucito della madre. Nel 1972 ha tentato la fortuna nella capitale italiana della moda, Milano, dove ha lavorato per vari marchi prima di lanciarsi con il proprio nome nel 1978.

Gianni è una superstar

Versace arriva nel posto giusto al momento giusto, Milano è in piena espansione e pronta a competere con la capitale francese in fatto di moda. L’industria tessile italiana era allora alla ricerca di un nuovo respiro e di un nuovo leader. Due nomi sono subito sulla bocca di tutti: Giorgio Armani e Gianni Versace.

Il contrasto tra i due designer è immenso, da un lato, un look androgino in marrone e grigio, e dall’altro, una ricca sensualità spinta all’estremo. ” Voglio ragazze con seno e culi”, Gianni Versace definisce il suo stile. ” I ruoli dovrebbero essere molto chiari: un uomo è un uomo e una donna è una donna. »

READ  A destra l'expresso, croce italiana à l'assaut de l'Unesco

I colori più elaborati, le fantasie più colorate, i tessuti più costosi per le donne più belle e gli uomini più atletici: Versace stabilisce lo standard in alto. I suoi negozi sembrano templi romani, fa delle sue modelle “top model” e superstar come Elton John, Sylvester Stallone e la principessa Diana fanno parte della sua stretta cerchia di amici.

Gianni Versace Lady di Elton John
Lady D ed Elton John al funerale di Gianni Versace a Milano il 22 luglio 1997. © GERARD JULIEN / AFP.

Per Donatella, una pesante eredità da portare

Il progettista non vive, ma “vive” in palazzi di splendore imperiale circondati da opere d’arte stravaganti. Dopo la morte di Versace, sua sorella Donatella assume il ruolo di creative manager e deve affrontare un compito enorme. ” Il mondo intero mi stava guardando e il 99% pensava che non ce l’avrei fatta. Forse è quello che pensavo all’inizio”.Lo ha detto a un quotidiano britannico nel 2017 Custode.

Anche la sorella della creatrice deve affrontare i suoi problemi: la tossicodipendenza, la chirurgia estetica fallita, l’anoressia della figlia Allegra. Inoltre, molte collezioni sono state oggetto di pesanti critiche. Nonostante gli ostacoli, Donatella Versace resiste, liberandosi nel tempo e costruendo gradualmente il marchio. Divenne una delle figure di spicco del femminismo celebrato sulle passerelle: ” È ora di lottare per le donne”.

L’assassinio di Gianni Versace è stato anche adattato in una buona serie Netflix L’assassinio di Gianni Versace, rimane ancora un mistero. Le esatte motivazioni di Andrew Cunanan sono fonte di molte speculazioni fino ad oggi. L’assassino del creatore si è suicidato pochi giorni dopo l’incidente.

con il Belgio