Dicembre 8, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il telefono “verde” regge

E se il marchio Nokia fosse tornato di moda? In termini di prestazioni e offerte originali, l’azienda ha ancora del lavoro da fare, ma fa un argomento che la maggior parte dei concorrenti dovrebbe presto abbracciare: l’ecologia. Va detto che il Nokia G60 è lontano dal Fairphone in termini di ambiente. Ma è un ottimo inizio, con un retro in plastica riciclata al 100% e un telaio in plastica riciclata al 60%. Dobbiamo anche aggiungere che questa distorsione conferisce alla struttura una grana molto su misura, che sembra resistere bene ai graffi, ma rileva facilmente le impronte digitali. Tutto è leggerissimo, per una piacevole presa a prima vista. Nokia fa anche una promessa “3-3-3” per aiutare le persone a tenere i telefoni accesi più a lungo. Fondamentalmente, ogni utente ottiene una garanzia di tre anni, sia per le condizioni del proprio hardware che per gli aggiornamenti del software di sicurezza e del software Android.

Il lato posteriore

Una volta a portata di mano, il Nokia G60 si distingue direttamente per la posizione dei pulsanti laterali. C’è un sensore di impronte digitali sulla destra, che è utile per i destrimani, ma meno per i mancini. I pulsanti del volume, che si trovano sullo stesso lato in alto, sono difficili da raggiungere. Una volta acceso lo schermo, il menu appare perfettamente ordinato, il che è eccellente. Le poche app non Google sono per lo più indispensabili come Spotify, Netflix e YouTube. Si noti che il telefono è programmato di default con la navigazione gestuale e non con i tre pulsanti. Devi andare alle impostazioni per cambiarlo.

READ  Steve Jobs voleva un iPhone senza una scheda SIM

bottoni laterali
Lato scheda SIM

alcuni difetti

Lo schermo da 6,58 pollici è abbastanza grande e dispone della tecnologia Full HD + LCD con una frequenza di aggiornamento di 120Hz. Non è il massimo, ma è più che soddisfacente e soprattutto corrisponde alla portata del dispositivo. E sebbene i video vengano riprodotti senza intoppi, la luminosità riduce leggermente il comfort visivo. Anche con il misuratore di luminosità spinto al limite, lo schermo sembra un po’ scuro, ma è tutt’altro che distratto.

In modalità video, il secondo punto è più fastidioso: il suono. La dimensione massima non è troppo alta e la qualità lascia un po’ a desiderare. In questo ambito, il Nokia G60 compensa un po’ questo problema introducendo un jack, che non è più comune negli smartphone moderni.

buona indipendenza

In termini di storage, il modello è disponibile in due configurazioni: 4 GB o 6 GB, ciascuna con una capacità di 128 GB, oltre alla possibilità di inserire una scheda microSD. E quando si tratta di durata della batteria, il 4500 mAh è garantito per durare tutto il giorno con un uso normale. Con un uso intenso di applicazioni multimediali, la batteria scende a meno del 10% in prima serata. Ma con un uso leggero, il telefono può essere facilmente utilizzato la mattina successiva. Ricarica classica da 20W, senza possibilità di ricarica rapida o ricarica wireless. Occorrono 2 ore per riempire la batteria al 100%.

giorno e notte …

E la fotocamera in tutto questo? Il Nokia G60 ha un sensore da 50 MP, un sensore ultra grandangolare da 5 MP e un sensore di profondità da 2 MP. Le immagini infatti sono bellissime, con la possibilità di applicare l’HDR che amplifica i colori, ma con un display necessariamente meno fedele alla realtà. Al buio, la fotocamera è più difficile.

Giornata fotografica con Nokia G60
Giornata fotografica con Nokia G60
Giornata fotografica con Oppo Reno 6 Pro
Giornata fotografica con Oppo Reno 6 Pro

La modalità notturna rende le foto un po’ sfocate se il telefono si muove un po’ durante le riprese. A livello di fotocamera, lo smartphone offre solo la possibilità di scattare in 1080p, ma a 30 o 60 fotogrammi al secondo. C’è un’opzione per la stabilizzazione dell’immagine, ma in pratica non è molto efficace.

Fotografia notturna con il Nokia G60
Fotografia notturna con il Nokia G60
Foto notturna con Oppo Reno 6 Pro
Foto notturna con Oppo Reno 6 Pro

Alla fine, il Nokia G60 rimane un buon smartphone che, soprattutto, ha qualità innegabili nella sua autonomia e fotocamera diurna. La posizione dei pulsanti fisici, dell’audio e della videocamera notturna sono i principali inconvenienti, ma nulla di insolito per i telefoni di fascia media. Da sottolineare anche l’involucro ‘ambientale’ dello sforzo, con la speranza che il brand continui su questa strada. A seconda dello spazio di archiviazione del modello, il Nokia G60 costa tra € 313 e € 369.