Febbraio 8, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Il sostegno militare all’Ucraina colpisce molte scorte militari”, spiega Nikola Josset, esperto del Royal Defence Institute.

La Germania dovrebbe consegnare armi all’Ucraina. Questo si aggiunge ai 500 milioni di euro sbloccati dall’Unione Europea e promessi da Kiev. L’annuncio potrebbe essere stato sorprendente poiché la Germania sembrava riluttante ad accettare questa consegna di armi. A proposito del gruppo QR, Nicolas Gosset, esperto del Royal Defence Institute, spiega che questa indecisione era sia tecnica che politica: “L’invio di questo tipo di materiale richiedeva una logistica molto ingombrante e i tedeschi erano preoccupati per la capacità degli ucraini di allestire il dispositivo quindi la riluttanza era principalmente legata al fatto di non assumersi una certa forma di responsabilità da soli perché questo materiale è tedesco“.

Nikola Gosset ritiene improbabile che queste spedizioni di armi facciano avanzare il conflitto verso una vittoria ucraina. Ma questi carri pesanti sono necessari per recuperare le terre perdute. Cosa ne pensi delle frequenti consegne di armi? Non esauriranno le nostre riserve? Questa domanda va posta secondo Nicolas Josset: “Il sostegno militare colpisce gravemente molti arsenali militari come gli Stati baltici, la Polonia o il Regno UnitoMa il nostro esperto insiste sulla necessità di questo supporto militare e finanziario. Inoltre, per coloro che credono che l’Europa trovi soldi solo per l’Ucraina, il nostro esperto specifica: “L’Europa ha erogato quasi 800 miliardi di dollari in aiuti dopo l’epidemia di coronavirus. Per l’Ucraina siamo a 30 miliardi, parte dei quali sotto forma di prestito. La sicurezza e una certa visione del mondo hanno un prezzo“.