Settembre 26, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il soggiorno di Donald Trump a Mar-a-Lago, una calamita per le spie

All’inizio di agosto, l’FBI ha fatto irruzione nella residenza di Mar-a-Lago (Florida) dell’ex presidente degli Stati Uniti. Oltre 11.000 documenti del governo, alcuni top secret, che Donald Trump non ha restituito dopo aver lasciato la Casa Biancacatturato. Tra questi, informazioni sulle forze militari e Capacità nucleari di un paese stranieroha rivelato mercoledì il Washington Post.

Secondo gli ex funzionari dell’intelligence statunitense, la casa è quindi un obiettivo ovvio per i servizi di intelligence stranieri. “So che gli esperti di sicurezza nazionale nel governo, i miei ex colleghi, stanno scuotendo la testa per il danno che avrebbe potuto fare”.John Brennan, ex direttore della Central Intelligence Agency, ha dichiarato: Su MSNBC. “Sono sicuro che Mar-a-Lago è stato un obiettivo del KGB e di altri servizi segreti negli ultimi diciotto o venti mesi, e se riescono a far entrare qualcuno in quella casa, entra nelle stanze dove si trovano questi documenti e fai delle copie di loro, ecco cosa l’avrebbero fatto”.

“Tutti i servizi di intelligence stranieri, siano essi cinesi, iraniani o russi, erano certamente interessati ad arrivare a Mar-a-Lago”Peter Strzok, l’ex vicedirettore del controspionaggio dell’FBI, ha detto a MSNBC.

Un mese fa, Progetto di denuncia della criminalità organizzata e della corruzione, un gruppo di giornalisti investigativi, ha rivelato che un immigrato di lingua russa dall’Ucraina si è mescolato alla famiglia e agli amici di Donald Trump a Mar-a-Lago, fingendosi Anna de Rothschild, erede della dinastia dei banchieri. Infatti, Inna Yashishin, figlia di un camionista emigrato in Canada, era associata ad aziende fraudolente. La giovane ha anche incontrato l’ex presidente, attestando una sua foto su un campo da golf.

Residenza Trump a Mar-a-Lago © AP

Non ci sono prove che fosse una spia, ma questo episodio mette in evidenza la facilità con cui Mar-a-Lago può essere hackerato. Durante la presidenza di Donald Trump, due donne cinesi sono state arrestate per aver fatto irruzione in una casa di Palm Beach in diverse occasioni.

READ  Il suo datore di lavoro gli paga erroneamente 300 volte il suo stipendio e lui scompare con i soldi

Uno di loro, Yujing ChangIn suo possesso c’erano diversi telefoni cellulari, un laptop, un disco rigido esterno e una chiave USB che in seguito si scoprì contenere malware. Nella sua stanza d’albergo, gli investigatori hanno trovato nove chiavi USB, cinque schede SIM e un “rilevatore di segnali” per individuare microfoni o telecamere nascoste. È stata accusata di false dichiarazioni e violazione di domicilio in un sito sicuro, condannata per ingresso illegale in un edificio con accesso limitato e deportata in Cina nel 2021.