Novembre 30, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il serbatoio terrestre collassa, portando con sé altre criptovalute

UST, la terza stablecoin più grande, è crollata martedì mattina, trascinando con sé molte criptovalute.

Martedì mattina, i titoli del tesoro sono crollati a 24 centesimi per dollaro, cosa che non dovrebbe accadere per una “valuta stabile”.

Come Tether (USDT), TerraUSD (UST) è una criptovaluta “stabile” (“valuta stabile”, nella terminologia), il cui prezzo è simile a quello del dollaro USA. Concretamente, il suo valore dovrebbe seguire il valore del dollaro in ogni circostanza. A differenza di altre stablecoin, il sistema non dipende da riserve in dollari, oro o obbligazioni. È un algoritmo che ne determina il prezzo.

In caso di ribasso, è previsto un meccanismo di autodistruzione per aumentare nuovamente il prezzo. Concretamente, l’algoritmo rimuove la riserva dei serbatoi a terra per aumentarne il valore. Il sistema dovrebbe funzionare da solo. Solo allora, i serbatoi a pavimento si basano su un sistema relativamente nuovo, che non ha ancora attraversato una crisi economica. In questo caso, questa crisi è il massiccio crollo di Bitcoin. Secondo CoinTelegraph, la “balena” – un investitore con una piccola quantità di titoli del tesoro terrestri – ha scelto di scambiarla con altre criptovalute in un momento specifico. La quantità di serbatoi interrati pompati nel mercato ha causato il crollo del prezzo dei serbatoi interrati e ha causato il panico. Vedendo il crollo dei prezzi, molti investitori hanno scelto di abbandonarlo per cercare di evitare di perdere tutto. Da $ 1, la stablecoin è scesa a 24 centesimi durante la notte. Tecnicamente, un investitore che aveva $ 10.000 negli armadietti del pavimento aveva solo $ 2.400 stanotte. Cosa che ovviamente non dovrebbe accadere con una valuta stabile. Fortunatamente il meccanismo ha preso il sopravvento ed ha subito alzato il prezzo a 68 cent, e poi gradualmente a 90 cent. Più di 12 ore dopo l’inizio di questo caso, il problema non è stato ancora risolto.

READ  Fai attenzione a questa truffa se fai acquisti in Francia

La Luna Foundation, che gestisce i carri armati di terra, ha dichiarato sul suo account Twitter: “Difendere in modo proattivo la stabilità dei serbatoi a terra”. Anticipando il problema, lunedì ha annunciato che avrebbe pompato l’equivalente di 1 miliardo di dollari in bitcoin per supportare il suo token. Per l’azienda, ora si tratta di ripristinare la fiducia degli utenti. Miliardi di dollari vengono ora gettati nel fuoco cercando di salvare la macchina dall’affondamento.

Anche per Terra Luna, la blockchain su cui funzionano i serbatoi terrestri, le cose sono complicate. Il meccanismo di masterizzazione, le polemiche sui tesori sotterranei e la sfiducia hanno portato al crollo del prezzo della criptovaluta, che in poche ore ha perso il 60% del suo valore. Indirettamente, altre criptovalute sono interessate. Data la capitalizzazione di mercato di Terra Luna e TerraUST (rispettivamente la decima e la quattordicesima criptovaluta più grande), il crollo della blockchain potrebbe avere un impatto significativo sul mercato.

_
Segui Geeko su FacebookE Youtube e altri Instagram Per non perdere nessuna novità, test e consigli.