Ottobre 5, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il rover Perseverance ha scoperto potenziali impronte biometriche su Marte

DISPOSIZIONE / AFP In questa immagine rilasciata dalla NASA, il rover Perseverance su Marte, utilizzando la fotocamera WATSON, ha catturato questo autoritratto su una roccia chiamata “Rochette” dove si possono vedere due fori in cui il rover ha utilizzato il suo braccio robotico per perforare campioni di roccia a settembre 10, 2021. La NASA il 10 settembre 2021, che il rover Perseverante su Marte ha raccolto due possibili campioni di rocce vulcaniche, confermando che la presenza di sale in queste rocce era un indicatore di condizioni favorevoli per il rilevamento di tracce di vita antica. (Immagine da dispense / Fonti varie / AFP) / Uso editoriale limitato – Accreditamento obbligatorio “AFP PHOTO / NASA / JPL-Caltech / MSSS” – No marketing – No campagne pubblicitarie – Distribuito come servizio ai clienti

DISPOSIZIONE / AFP

Rover Perseverance su Marte, 10 settembre 2021.

marzo – Il perseverante rover ha raggiunto una pietra miliare nella sua ricerca di tracce di vita antica Marte con campionario “il più prezioso” Finora, contiene potenziali impronte biometriche che dovranno essere confermate una volta trAnnunciato Nasa Questo giovedì, 15 settembre.

Questa non è ancora la prova che la vita sia esistita sul Pianeta Rosso, ma è la migliore possibilità finora un giorno per essere in grado di rilevare con certezza l’antica vita microbica.

Una potenziale biofirma può essere dovuta alla presenza della vita, ma anche all’assenza di vita. Per considerare definitiva questa biofirma, questi campioni devono essere analizzati da potenti strumenti di laboratorio sulla Terra. La NASA prevede di riportarli indietro, grazie a un’altra missione, entro il 2033.

“Penso che si possa affermare con sicurezza che questi campioni saranno, e in effetti sono, i campioni di roccia più preziosi mai raccolti”ha detto David Schuster, che lavora su questi campioni, in una conferenza stampa.

READ  « C'est dès le premier degré que les inégalités se creusent »

Due carote sono state prelevate perforando una roccia chiamata “Wildcat Mountain Range”, alta circa un metro e situata in un delta formatosi circa 3,5 miliardi di anni fa, alla confluenza di un antico fiume e lago.

Questa roccia è particolarmente interessante perché è una roccia sedimentaria che sembra essersi formata quando l’acqua nel lago è evaporata.

Questi veicoli Sono gli elementi base della vita.

ainsi “catena montuosa del gatto selvatico”. “Alto potenziale per la conservazione della biofirma”ha detto David Schuster dell’Università della California, Berkeley.

La roccia è stata analizzata separatamente da uno strumento all’estremità del braccio robotico tenacity e ha rivelato la presenza di composti organici, i composti più abbondanti scoperti dall’inizio della missione un anno e mezzo fa.

Questi composti – costituiti in particolare da carbonio, che può contenere anche idrogeno – Sono gli elementi base della vita.ha detto Ken Farley, che è responsabile della parte scientifica della spedizione.

È stato rilevato in quantità minori dalla sonda durante precedenti analisi nel cratere Jézéro, che conteneva il lago, ma “Mentre ci muoviamo attraverso il delta, le prove diventano sempre più forti”riassunto da Sunanda Sharma, uno scienziato del Jet Propulsion Laboratory della NASA.

“Personalmente trovo questi risultati molto commoventi, perché sembra che siamo nel posto giusto, con i macchinari giusti, in un momento cruciale”Lei disse.

“Non conosciamo ancora il significato di queste scoperte, ma queste rocce sono esattamente ciò per cui siamo venuti”.Conslow Ken Farley.

Vedi anche su Le Mezze Poste :