Ottobre 1, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il rookie che ha fatto davvero scalpore a Lille: a Mohamed Bayo è stato negato il match contro il PSG a causa di una serata fuori | calcio straniero

Giornata divertente per LOSC questa domenica. Non solo i residenti del Lille sono stati umiliati davanti ai loro tifosi dal Paris Saint-Germain, ma prima uno di loro, Mohamed Bayo, è stato punito dalla sua dirigenza per motivi non sportivi.

Nella notte tra sabato e domenica, le immagini del giocatore in una discoteca si sono diffuse sui social e sembravano diffondersi. Comportamento “inaccettabile” di Olivier Letang che, d’accordo con l’allenatore della squadra del Lusk, ha deciso di espellere il giocatore a causa della partita contro il Paris Saint-Germain. “E’ una mancanza di rispetto verso il club, verso i suoi soci, verso lo staff tecnico e anche verso i suoi tifosi”, ha insistito il presidente del Lille. Prima del calcio d’esterno della partita contro il Paris Saint-Germain.

Una deviazione dalla strada che cade nei momenti peggiori anche per Mohamed Bayo, che deve ancora imporsi nella rosa del Lille. Arrivato quest’estate dal Claremont per un assegno da 15 milioni di euro, l’attaccante 24enne non si è dimostrato con il mastino.

Il consulente di Prime Video Thierry Henry ha anche previsto tempi difficili per l’attaccante guineano che ha sedotto la Ligue 1 la scorsa stagione segnando 14 gol per il Claremont. “Questo è esattamente quello che non sta facendo. Buona fortuna per il futuro perché, ora, per tornare in questa squadra, dovrai alzarti presto… e non andare a letto a orari strani”, ironizza il vice Roberto Martinez.

Mohamed Bayo ora sa cosa deve fare: deve essere insostituibile, dentro e fuori dal campo, se vuole guadagnarsi un posto nel Lille. Ma può contare sul supporto dei suoi compagni di squadra per aiutarlo a riscattarsi. Come dimostra la lettera inviata domenica sera da Remy Kabila ai tifosi del Lille. “Momo ha sbagliato e lui lo sa. Tutti possono sbagliare. Siamo umani. Ma succede solo una volta. Dagli una possibilità… e ora dovrà rispondere in campo”.

READ  Revoilà Vanden Borre: “Au RSCA, je ne vois plus le projet des jeunes”