Maggio 30, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il ritorno di Cecile Dganga: “Quando il tuo cuore è spezzato in mille pezzi, è molto difficile far ridere la gente”

Martedì 21 marzo è la Giornata Internazionale della Francofonia. In questa occasione, l’Unione belga dei professionisti dell’umorismo sta organizzando – in collaborazione con l’Organizzazione internazionale della Francofonia (OIF) e Wallonia-Brussels International – una fantastica serata di umorismo all’Espace Lumen con comici dalla Francia (Waly Dia), Svizzera ( Charles Nouveau), Québec (Colin Boudrias) e Belgio (Veronique Gallo, Sofia Seko). Concerto presentato da Cecile Djunga (ingresso gratuito su prenotazione allo 0491/617067), che non va in scena in Belgio da quasi un anno. “È un po’ di ritorno al lavoro, in effetti. Cecile Djunga, che sta uscendo da una difficile parentesi della sua vita privata, è stata subito riconosciuta come conduttrice dell’evento. Sono molto felice di presentare questo bellissimo poster francese.” E questo è solo l’inizio. “Mi sto preparando per il mio prossimo spettacolospiega il regista il cui nuovo regista è l’attrice e autrice burkinabé Edoxi Gnoula (che ha vinto il Premio Maeterlinck 2019 come miglior solista in Belgio). Sabato partirò per 5 settimane a Ouagadougou, Burkina Faso, per una residenza creativa lì”.

“Non lasciamo mai il Belgio. Abbiamo sempre un pezzo di patatine fritte da qualche parte (sorridi)!”

Sono i suoi viaggi (Congo, Costa d’Avorio, Burkina Faso, ecc.) in stile “ritorno alle sue radici africane” che l’hanno cambiata dalla scorsa estate. “Non mi aspettavo un rinnovamento del genere, perché sono stato sopraffatto da tutto quello che ho passato per quattro mesi a Kinshasa. Sono partito prima per aprire lì un centro culturale belga e poi è successo tutto. L’ho ammirato. Tutto questo mi ha ispirato molto .Lascerai mai il Belgio per sempre? “non adesso, conferma l’artista 33enne. Anche se non fosse impossibile…ma smettere è una parola grossa. Non lasciamo mai il Belgio. Abbiamo sempre un pezzo di patatine fritte da qualche parte (sorridi)! Lo dicono anche i belgi che incontri all’estero. Amiamo molto il Belgio. Stiamo lasciando la Francia, ma non il Belgio (sorriso)! “

READ  Il cancro ha preso Sophie Lauers, direttrice di Bozar

“Quando ti ritrovi con un abito da sposa tra le braccia, devi riderci sopra (ride)!”

E i suoi progetti televisivi in ​​Francia nello specifico? Ho appena iniziato le riprese della sesta stagione Non è ancora scienza missilistica in Francia 4si fida dell’ospite dello spettacolo. Ho firmato nuovamente 25 nuovi episodi. Il canale vuole promuovere questo tipo di programma e ne sono felice”. D’altra parte, al momento in Belgio non è previsto nulla a livello televisivo. Ma riacquista gradualmente il gusto della vita da single dopo la sua rottura sentimentale. “Penso di essermi innamorato della mia terra, Confessa alla persona che stava per sposarla in romano. Non mentirò, ho passato un periodo davvero difficile. Non posso più tornare sul palco. Quando il tuo cuore è spezzato in mille pezzi, è molto difficile far ridere la gente. Ero un pagliaccio triste e ho deciso di andarmene per tornare migliore. E non pensavo di poter davvero trarre forza dal suolo africano. È successo tutto inaspettatamente e non avevo un piano in testa. J’étais a peu paumée, avec ce ce changement of life, je ne savais pas trop quoi faire… et puis la leçon que j’en retire est que j’ai émis des souhaits, sans savoir où cela allait m’amener et c’ ricevuta. Ammiravo il mio paese d’origine, poiché avevo un’immagine piuttosto distorta.

Come prova, ha appena girato lì un documentario, Rentre dans ton pays, diretto da Geoffrey Couët, prodotto da Les film de la passe (La compagnia di Thierry Michel) e coautore. “Questo è il mio primo film e non vedo l’ora che tu lo finisca e lo mostri. È un film sulla ricerca dell’identità. Una risposta artistica al razzismo. Insomma, Cécile Djunga torna sul palco e lo affronta con l’umorismo come filo conduttore. “Non ho mai voluto smettere di scherzare o cambiare lavoro, il che mi ha sempre permesso di rimanere positiva. Ho persino annunciato la mia rottura in modo umoristico sui social network. Quando ti ritrovi con un abito da sposa tra le braccia, devi riderci sopra (ride)! “

READ  Cambio su Spotify su richiesta della cantante Adele