Febbraio 3, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il rischio di deviare le armi inviate in Ucraina è ridotto al minimo

La ricercatrice di Grip Maria Camilo ritiene che l’Unione europea ei suoi Stati membri siano stati lenti a mettere in atto meccanismi per monitorare ciò che sta accadendo con le armi affidate all’esercito di Kiev. E le iniziative prese, secondo lei, sono insufficienti.


Articolo riservato agli abbonati

Giornalista di servizio alla comunità

Tempo di lettura: 4 minuti

cI ministri della difesa alleati si incontreranno di nuovo, venerdì, nella base americana di Ramstein, in Germania, per decidere sull’invio di armi e munizioni in Ucraina. Un’arma più pesante questa volta, come suggerito dal segretario generale della Nato Jens Stoltenberg, perché “la guerra è in una fase cruciale ed è importante che forniamo all’Ucraina le armi di cui ha bisogno per vincere”, ha aggiunto. Regno Unito e Polonia parlano di inviare i primi carri armati europei, in particolare il Challenger 2. La reazione del Cremlino è stata rapida. Promette di bruciarli. Semplicemente.


Questo articolo è riservato agli abbonati

Con questa offerta, goditi quanto segue:
  • Accesso illimitato a tutti gli articoli, file e rapporti della redazione
  • Il giornale in versione digitale
  • Lettura confortevole con annunci limitati

READ  "Il peggior primo ministro", "Pogo tornerà?" ... La stampa britannica commenta le dimissioni di Liz Truss