Dicembre 1, 2021

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il regolatore europeo approva due trattamenti con anticorpi monoclonali contro il Covid-19

L’organizzazione europea ha dichiarato, giovedì, di aver accettato per la prima volta di commercializzare due trattamenti nell’Unione europea con anticorpi contro il virus Corona.

L’Agenzia europea per i medicinali (EMA) ha dichiarato in una nota di aver approvato l’uso di un trattamento della casa farmaceutica svizzera Roche, Ronapreve, e di un trattamento della sudcoreana Celltrion, Regdanvimab.

Due fonti all’interno dell’Unione Europea, mercoledì, hanno detto a Reuters che l’autorità sanitaria si appresta ad approvare nei prossimi giorni l’uso di questi due trattamenti conosciuti come Ronapreve per il duo formato dal laboratorio americano e dal suo partner svizzero e Regkirona per il Sud Società coreana di biotecnologie.


Da leggere anche: Anticorpi monoclonali: “Grande speranza per i pazienti ad alto rischio di COVID-19 grave”


Pertanto, Ronaprif è ora autorizzato a trattare MERS-CoV negli adulti e negli adolescenti dai 12 anni di età (si pensi ad almeno 40 kg). “Coloro che non hanno bisogno di ossigeno aggiuntivo e corrono un rischio maggiore di ammalarsi gravemente a causa della loro malattia”Dettagli del comunicato stampa.

Per Regkirona, l’EMA raccomanda che sia usato per il trattamento di adulti che non hanno bisogno di ossigeno e che sono anche a maggior rischio di sviluppare una forma grave di Covid-19.

Le raccomandazioni per questi due farmaci saranno inviate alla Commissione europea “NS Decisioni rapide e legalmente vincolanti”.

Il primo anticorpo monoclonale approvato per covid-19 dall’EMA

Ronapreve e Regkirona sono i primi farmaci anticorpali monoclonali a ricevere un parere positivo sul coronavirus. Ora fanno parte di Elenco dei prodotti COVID-19 con recensione positiva.


Da leggere anche: Coronavirus: l’Accademia belga di medicina raccomanda la rapida disponibilità di anticorpi monoclonali

READ  Alla fiera di Dubai, Airbus ha affrontato un ordine per 255 velivoli sin dal primo giorno

Per il commissario europeo alla Salute è un “passo importante” contro la malattia

Il commissario per la salute dell’Unione europea, Stella Kyriakides, ha affermato che l’approvazione dei due farmaci, A ‘Passo importante’ Contro la malattia, l’Unione europea ha finora fatto affidamento su quattro vaccini.

“Con l’aumento della contaminazione da Covid-19 in quasi tutti i paesi membri, è rassicurante vedere molti trattamenti promettenti in fase di sviluppo come parte della nostra strategia di trattamento contro il Covid-19”.Ha aggiunto in una dichiarazione.


Da leggere anche: Immunità “immediata” al coronavirus: capire tutto sulla terapia basata su anticorpi monoclonali


“Oggi stiamo facendo un passo importante verso il nostro obiettivo di consentire fino a cinque nuovi trattamenti nell’Unione europea entro la fine dell’anno”.Lei disse.

Gli anticorpi sono uno dei mattoni fondamentali del nostro sistema immunitario. Di fronte a un componente pericoloso, come un virus, il nostro corpo produce naturalmente per riconoscere un invasore.

L’idea degli anticorpi sintetici è quella di selezionare anticorpi naturali e riprodurli artificialmente per la somministrazione come trattamento, generalmente per infusione.

L’EMA ha analizzato diversi studi

L’EMA afferma di aver valutato molti dati: hanno dimostrato che questi due farmaci “Grande riduzione” Ricovero e mortalità nei pazienti con Covid-19 a rischio di sviluppare una forma grave della malattia. Un altro studio ha mostrato che Ronapreve riduce il rischio di contrarre Covid-19 se un membro della famiglia ha SARS-CoV-2, il virus che causa il Covid-19.

Tra i dati citati dall’Ema, è stato condotto uno studio su pazienti affetti da coronavirus che non necessitano di ossigeno. Questi pazienti erano ad alto rischio di sviluppare una malattia grave. I risultati dello studio hanno mostrato che il trattamento con Ronapreve ha ridotto i ricoveri e i decessi rispetto al placebo. Complessivamente, lo 0,9% dei pazienti trattati con Pronapriv (11 su 1.192 pazienti) è stato ricoverato in ospedale o è deceduto entro 29 giorni di trattamento rispetto al 3,4% dei pazienti trattati con placebo (40 su 1.193 pazienti).”, continua l’agenzia del farmaco.


Da leggere anche: Coronavirus: gli anticorpi monoclonali, efficaci nell’immunodeficienza, sono sottoutilizzati secondo il direttore della medicina interna dell’ospedale Erasmus.

READ  Le centrali a gas di Awirs e Vilvorde riceveranno sussidi

In un altro studio, è stata valutata l’efficacia di Regkirona: tra i pazienti a rischio di sviluppare una malattia grave, Il 3,1% dei pazienti trattati con Regkirona (14 su 446) è stato ricoverato in ospedale, ha richiesto ossigeno supplementare o è deceduto entro 28 giorni di trattamento, rispetto all’11,1% dei pazienti trattati con placebo (48 su 434). “

Il comunicato stampa dell’EMA è disponibile su questo è l’indirizzoOltre alle informazioni su altri trattamenti approvati per il virus Corona.

Informazioni sulla newsletter

Ricevi le principali notizie ogni mattina.