Ottobre 1, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il personale è stufo, “Questo negozio non può più essere salvato”


Johan van Loon di ACV Puls/CNE osserva che l’incertezza che circonda il futuro della catena di supermercati Makro Cash & Carry Belgio sta tenendo lontani i fornitori e molti scaffali rimangono vuoti. Erano soprattutto i prodotti freschi che dovevano essere trasportati ogni giorno, ha detto.

Il CEO Vincent Nolf sottolinea i problemi di approvvigionamento, ma osserva che la maggiore carenza di frutta e verdura è stata risolta lunedì.

Ai primi di settembre la società ha presentato istanza di riorganizzazione giudiziaria. Il tribunale della società non ha ancora emesso una sentenza, ma i fornitori sembrano scettici. Sia i dipendenti che i clienti sono seccati di trovarsi davanti a scaffali vuoti. Lo scorso fine settimana il Makro di Machelen ha dovuto chiudere. Lunedì, sei macro in Belgio hanno aperto bene, secondo Van Loon. Lo ha confermato l’amministratore delegato.

Ma i clienti potrebbero non tornare e la catena potrebbe avere problemi ancora più grandi. La situazione può interessare anche entità del gruppo finanziariamente solide, come il distributore Horeca Metro. “Anche qui gli scaffali sono tutt’altro che pieni, mentre i professionisti vengono proprio lì per i prodotti freschi”, sottolinea il rappresentante dell’Unione Cristiana.

Quest’ultimo spera che il tribunale della società di Anversa non ritardi nell’emettere la sua decisione e garantisca protezione contro i creditori. “La decisione dovrebbe prendere al più tardi questa settimana, ha detto. Se la richiesta di riorganizzazione giudiziaria sarà accolta, sarà nominato un rappresentante legale che supervisionerà i prossimi passi nel trasferimento delle attività. Il processo può durare dalle 4 alle 6. mesi.

READ  L'inflazione batte ancora record: la vita non costa così tanto dal marzo 1976

L’ECO prevede inoltre che la situazione cambi rapidamente. “È solo questione di giorni”, ha detto lunedì. Aggiunge che si tratta di una misura di continuità durante la quale i negozi rimarranno aperti come di consueto. “Ma fino a quando non ci sarà certezza, comprendo le preoccupazioni dei dipendenti e di alcuni dei nostri fornitori”.

Makro Cash & Carry Belgio ha 17 negozi in Belgio: 11 metro e 6 macro. Nel gruppo lavorano circa 2.000 persone.

“Il negozio non può essere salvato, per favore fermati ora!” »

Questa situazione complessa, i dipendenti Macro soffrono in pieno vigore. I nostri colleghi di Nieuwsblad sono andati al negozio di Deurne dove il personale ha mostrato chiaramente la propria noia. Senza fiato, si sentono impotenti davanti a scaffali sempre più vuoti. “Le persone stanno combattendo la fatica”, ha detto un dipendente. “Questo negozio non è solo un posto in cui lavoriamo. Macro, la nostra seconda casa, era la nostra famiglia. La direzione ci ha portato via quella sensazione”, aggiunge.

Si rammarica del modo in cui la storia si è sviluppata negli ultimi anni che ha portato alla situazione attuale. Sono arrabbiato perché molti dipendenti non riceveranno il loro vero TFR. Perché dopo il fallimento non ci saranno abbastanza soldi. Questa storia non finisce con l’onestà. »

Per un altro dipendente, l’incertezza è troppo grande. “Sono stanco”, dice. “Il personale ha lottato così duramente per il negozio. Ma ora lo diciamo forte e chiaro: per favore, lascialo smettere. Macro è una debole gloria. Questo negozio non può più essere salvato”.