Dicembre 1, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il nuovo consiglio scientifico chiede il ritiro della vaccinazione e la restituzione della mascherina

Ogni inverno, l’influenza provoca una media di 19.000 ricoveri e la bronchiolite di circa 45.000, principalmente bambini di età inferiore a un anno. Adobe Stock

Questo inverno, gli esperti del nuovo Comitato per il monitoraggio e la previsione dei rischi sanitari temono il peso cumulativo delle epidemie di Covid, influenza e bronchiolite su un sistema sanitario già indebolito.

Sebbene l’epidemia di Covid-19 sia ormai relegata in secondo piano, non è andata via, come affermato nel suo primo parere dal Comitato per il monitoraggio e la previsione dei rischi per la salute (Covars). La situazione epidemiologica, l’emersione delle variabili, la vaccinazione, le prospettive di nuove cure, le azioni da attuare… Questo Consiglio Scientifico 2.0, creato con decreto lo scorso luglio e le cui missioni sono state estese a tutti i rischi infettivi e inquinanti, ha appena sterile A poche settimane dal grande crocevia dei virus invernali. L’obiettivo è chiaro: agire ora per non essere travolti dal virus che ora sappiamo contenere. Tanto più che con l’allentamento dei gesti di barriera riprenderanno il servizio i consueti virus invernali.

«Da inizio settembre, con l’inizio dell’anno scolastico, abbiamo assistito a un aumento costante dei casi associati alle varianti BA.4 e BA.5, ma nelle ultime due settimane abbiamo l’impressione di aver raggiunto il picco di questa nuova ondata.Lo ha detto lunedì il professor Fabrice Carat, un epidemiologo membro di Covars, durante una conferenza stampa. La ripresa dell’epidemia a cui stiamo attualmente assistendo – l’ottava – è molto grave”Moderare‘Perché era pericoloso’Indebolito dall’immunità di gregge acquisita attraverso vaccinazioni e precedente esposizione al virusNote di Covars striscione. Ma il peso dell’epidemia sul sistema ospedaliero è tutt’altro che ironico: poco più di 20.000 persone sono ricoverate in ospedale, di cui un migliaio in terapia intensiva, e ogni giorno si registrano circa 80 decessi, secondo i dati della sanità pubblica francese.

READ  Monkeypox: quarto caso di vaiolo delle scimmie in Belgio. L'OMS si aspetta più casi

Segnali di incoraggiamento, ma da mitigare

Anche se le indicazioni mostrano che la situazione sta migliorando, gli scienziati vogliono rimanere cauti a questo punto. “Non è chiaro come i fattori stagionali influenzeranno la dinamica dell’epidemia nei prossimi mesi, e quindi c’è il rischio che emergano nuove varianti di fuga immunitaria. Quindi non è impossibile nel medio termine che ci sia un aumento nell’incidenza dell’epidemia e quindi 9e misterioso”Ha spiegato il professor Karat. Non c’è da stupirsi che questo virus sin dal suo inizio abbia continuato ad evolversi per diffondersi meglio.

La variante BQ.1.1 è “in procinto di sostituire BA.5” e “ha mutazioni che potrebbero consentirle di sfuggire parzialmente alle difese immunitarie preesistenti”.

Professor Bruno Lina, Infezionista, Membro Covars.

L’emergere di una nuova variante più potente potrebbe avvenire prima di quanto pensiamo. Da fine settembre il fratellino di BA.5, con il nome BQ.1.1, sta prendendo piede in Francia ma anche in tutta Europa. Rappresenta già la metà dei casi nell’Ile-de-France. “BA.5 è sostituitoSpiega il professor Bruno Lina, specialista in malattie infettive che è anche membro di Covars. Contiene mutazioni che possono permettergli di sfuggire parzialmente alle difese immunitarie preesistenti.“Ora, gli scienziati stanno aspettando di vedere se la rapida diffusione di BQ.1.1 è accompagnata da una ripresa dell’epidemia”.Al momento, non abbiamo indicazioni che vadano in quella direzione.dice la professoressa Lina.

In attesa di una visione più chiara, gli scienziati di Covars raccomandano in particolare ai decisori di concentrarsi sulla campagna di vaccinazione per il terzo ricordo di questo autunno. “Si rivolge in modo specifico alle persone di età pari o superiore a 60 anni, che hanno fattori di rischio e all’entourage di quelle persone.Quindi è probabile che 18 milioni di persone saranno colpite, a meno che non abbiano contratto il virus meno di tre mesi fa.Si noti che i vaccini disponibili ora differiscono leggermente dai vaccini precedenti.Sono bivalenti, ovvero conferiscono protezione contro il ceppo virale primario e contro Omicron BA.1 (Moderna e Pfizer) o variante BA.5 (Pfizer).

Covid, bronchiolite e influenza: una tripletta spaventosa

Se gli esperti prevedono nei prossimi mesi un moderato impatto del Covid sul sistema ospedaliero, temono le conseguenze delle malattie che ad esso si aggiungeranno. la malattia “Fa parte del carico di malattia invernale e si aggiungerà all’influenza e ad altre infezioni respiratorie, motivo per cui è così importante [de se faire vacciner] In attesa dell’inverno“Ogni inverno, l’influenza provoca una media di 19.000 ricoveri e la bronchiolite circa 45.000, in particolare i bambini di età inferiore a un anno”, ha insistito il professor Otran.L’impatto di queste epidemie sul sistema ospedaliero è rafforzato dall’attuale fragilità dell’ospedale“, conferma a suo avviso Covars. La fragilità è particolarmente evidente nei numeri di assenteismo ospedaliero lo scorso inverno: tra l’11 e il 16%.

“Riteniamo che oggi non si parli più di mascherina e questa è una preoccupazione. È necessario riprendere i messaggi che incoraggino l’uso delle mascherine negli spazi chiusi e nei luoghi pubblici”.

Annabel Desgrées du Loû, demografa, membro di Covars.

Covars raccomanda inoltre di rafforzare la comunicazione sull’uso delle mascherine e di continuare a promuovere lo screening, due punti su cui le autorità si sono notevolmente rilassate negli ultimi tempi. “Pensiamo che oggi non si parli più di mascherina e questa è una preoccupazione. È fondamentale riprendere i messaggi che incoraggiano l’uso delle mascherine negli spazi chiusi e nei luoghi pubbliciStime di Annabel Desgrées du Loû, demografa e uno dei diciannove membri Covars. “Tuttavia, non pensiamo di dover tornare all’obbligo di indossare la mascherina. Non siamo più nella stessa situazione di un anno o due fa grazie alla copertura vaccinale.»


Vedi anche – Covid-19: ‘Ora non è il momento di rilassarsi’ in Europa, avverte l’Oms