Agosto 13, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Il mio nome non è Mo Farah”: le incredibili scoperte di un quadruplo campione olimpico | altri sport

Il quattro volte campione olimpico di atletica leggera Mo Farah rivela in un documentario di essere arrivato in Gran Bretagna illegalmente sotto falsa identità prima di essere costretto a lavorare come domestico in una casa.

“La verità è che non sono quello che pensi. La maggior parte delle persone mi conosce come Mo Farah, ma questa non è la realtà. Sono stato separato da mia madre e sono stato portato nel Regno Unito illegalmente con un altro nome. Il bambino si chiama Mo Farah”, ha detto l’atleta inglese in un’intervista che sarà trasmessa mercoledì su B BBC. Farah a raconté avoir reçu le nom de Mohamed Farah d’une femme qui l’avait fait venir au Royaume-Uni – lui assertant qu’il y rejoindrait des proches – depuis Djibouti, pays d’Afrique orientale, à l’âge de ne anni.

L’atleta 39enne ha detto che il suo nome era in realtà Hüseyin Abdi Kahin. Suo padre è stato ucciso in Somalia quando aveva quattro anni. Sua madre e due fratelli vivono nella regione separatista del Somaliland, non riconosciuta dalla comunità internazionale. Ha continuato: “La vera storia è che sono nato in Somaliland, nel nord della Somalia, con il nome Hussain Abdi Kahin. Nonostante quello che ho detto in passato, i miei genitori non vivevano nel Regno Unito”.

Farah ha raccontato che la donna che lo accompagnava, al suo arrivo, ha afferrato il foglio su cui sono comparsi i recapiti dei suoi parenti, “l’ha strappato e gettato nella spazzatura”. “In quel momento, sapevo di avere un problema”. È il primo atleta britannico a vincere quattro medaglie d’oro olimpiche e ha anche detto che deve fare i lavori domestici e prendersi cura di altri bambini con una famiglia in Gran Bretagna se vuole “mangiare abbastanza”. Si sentì dire “Se mai vuoi rivedere la tua famiglia un giorno, non dire niente”. “Spesso mi chiudo sotto la doccia e piango”, dice.

READ  Ultime Voci di Trasferimento 06/10: Bright - Ferlinden - Nielsen - Petermatt - Chimanga - Bernardo Silva - Buyl - Magnée

Fiducia nell’insegnante

Un giorno, ha finalmente rivelato la verità al suo insegnante di educazione fisica, Alan Watkinson, che ha notato i suoi sbalzi d’umore ogni volta che era sulla strada giusta. Poi andò a vivere con la madre di un “amico” che “si prendeva davvero cura di lui”. “L’unica lingua che sembrava capire era l’educazione fisica e lo sport”, dice Alan Watkinson. “L’unica cosa che potevo fare per scappare da questa[situazione]era uscire e scappare”, dice Farah.

Quindi Watkinson ha chiesto la cittadinanza britannica dell’atleta, che alla fine ha ottenuto il 25 luglio 2000. Il campione olimpico ha spiegato che sono stati i suoi figli a incoraggiarlo a rivelare la verità sul suo passato.
“L’ho tenuto a lungo, è stata dura perché non si vuole affrontarlo e i miei figli spesso fanno domande (…). E tu hai sempre una risposta per tutto, ma non hai una risposta per questo.” “Questo è il motivo principale per cui sto raccontando la mia storia, perché voglio sentirmi normale e non sentirmi come se mi stessi aggrappando a nulla”, ha detto. Farah, qui a appélé son fils Hussein en référence à son vrai nom, a conclu: “Je pense souvent à l’autre Mohamed Farah, le garçon dont j’ai pris la place dans cet avion, et j’espère vraiment qu’il Bene”.


READ  Tour de France-Madio: "Non ci sono più dubbi come prima!"