Agosto 12, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il microcosmo italiano e il resto del mondo (3/5)

Uscendo da Piazza San Pietro ed entrando ufficialmente in territorio italiano via della Conciliazione. Be ‘quasi. Perché, salvo poche eccezioni, tutti i palazzi lungo il viale principale, scavati nel 1936 per ordine di Mussolini, sono di proprietà del Vaticano. Inoltre, davanti ai nuovi edifici in stile rinascimentale, era consuetudine incontrare salotti, nel tempo libero, con giacche blu e baveri ricamati con lo stemma del Papa: due chiavi d’oro e d’argento. .

No. Nel 34 dC, a metà strada tra il Tevere e la Basilica, il “Palazzo della Trasfigurazione” è famoso per essere stato ricostruito sulle rovine dell’ultima dimora del pittore Raffaello. Dietro questa facciata rosa, il Dipartimento delle Chiese Orientali sovrintende ai complicati rapporti tra Roma e i cattolici siriaci, bizantini, maroniti o copti. Ma è qui che, negli anni, un piccolo gruppo è stato impegnato in un compito meno delicato: il Segretariato generale del Sinodo.

Il futuro della Chiesa cattolica

“sinodalismo” è la parola d’ordine del pontificato di Francesco Una delle riforme più importanti a suo avviso. Una riforma, inoltre, un cambio di prospettiva, addirittura una rivoluzione nel primo senso della parola: si tratta di scuotere la struttura piramidale della Chiesa cattolica e farne un luogo di dialogo tra credenti e leader. , conoscersi e dove viene attivata la sequenza prima di prendere decisioni.

Nell’autunno del 2021 è stato compiuto un passo decisivo ed entusiasmante in consultazione con tutti i cattolici del mondo. Quali sono le loro aspettative? Qual è la loro opinione sulla chiesa? Fu qui che fu organizzata questa insolita operazione. Così, è in questi corridoi del secondo e ultimo piano del Palazzo dei Convertenti che si gioca in parte il futuro della Chiesa cattolica.

La presunta “italianizzazione”

La natura titanica del sito contrasta con le dimensioni ridotte del team responsabile di meno di una dozzina di persone. Altra particolarità è la sua composizione: più della metà dei membri della Segreteria Generale Episcopale sono “stranieri”. Capire: non italiani. A cominciare da tre “superiori”, il cardinale maltese Mario Grech, lo spagnolo Luis Marin de San Martin e il francese Nathalie Becquard.

Non c’è pericolo. Il Papa ha affidato la sua grande riforma pontificia a figure che simboleggiano una Chiesa aperta al mondo. Francois Progettandolo. A Roma questa apertura è considerata “italianizzazione”. I tre superiori erano un ufficiale di collegamento franco-italo-svizzero, una suora americana poliglotta, un prete francese, di formazione di pochi mesi ad Harvard…

Paolo VI, “L’ultimo vero riformatore”

Ad essere onesti, questo movimento di internazionalizzazione non è iniziato con l’elezione di François. Giovanni Paolo II diede inizio a questo movimento. I superiori che dirigono i dicasteri sono di nazionalità più diverse di prima. Ma se non si può accertare con precisione la proporzione di “stranieri” tra i 3.000 impiegati nella Curia romana, è il bosco che nasconde la foresta. Perché le funzioni intermedie – capi ufficio, assistenti – ma anche quelle di giudice o di amministratore sono spesso occupate da italiani.

Negli scambi – spesso in italiano, lingua ufficiale della Curia – non è raro sentire voci piene di nostalgia per quell’epoca. Paolo VI. Papa Mandini “Colui che conosceva la cultura, fece vere riforme”, Dice un prete italiano. Naturalmente, una critica vuota a papa Francesco è che alcuni lo considerano un outsider qui: non solo è argentino, ma non ha mai prestato servizio nell’amministrazione pontificia, dove il suo predecessore, Benedetto XVI, ha trascorso molti anni. là. Una situazione terribile agli occhi dei nostalgici: quando era arcivescovo di Buenos Aires, mons. Bergoglio ha voluto sottolineare di voler trascorrere il minor tempo possibile a Roma.

Ottima cultura del lavoro

Hanno il Vaticano, “Gli italiani” Uno degli argomenti più comuni discussi tra i membri sono gli “estranei” della macchina. Per molti sono il simbolo di una cultura curiale superata, ostile a qualsiasi riforma. Più della nazionalità, infatti, è una specifica cultura del lavoro che sorprende e disturba i nuovi arrivati. Correlazione con il tempo, ad esempio: “Non chiedere appuntamento con una settimana di anticipo, non è Una meraviglia non italiana. Se il tuo contatto non è disponibile nei prossimi giorni, chiama di nuovo il lunedì successivo. » Per quanto riguarda le regole, inoltre: “C’è una combinazione di grande formalismo e cultura orale. Da un lato, se non hai l’autorità per farlo, farlo è fuori questione. Dall’altro, possiamo sempre fare le cose. »

C’è quest’altro fatto, più confuso per i nuovi arrivati, che costruisce reti di relazioni e di comunioni informali: ciò che molti in Curia chiamano “Provincialismo”. Tutti i membri della Curia sardi si conoscevano. Lo stesso vale per napoletani e piemontesi. L’identificazione con le varie regioni che compongono la penisola è particolarmente forte in Italia. Si ritrova naturalmente in Curia.

READ  Tutti i dettagli dell'arresto del rapitore italiano Gaetano Guarino in Tunisia

“Non voglio mandare un prete a Roma adesso”

A questo micro livello, quasi tutto il reclutamento avviene tramite il passaparola. La maggioranza italiana assume italiani. Questo fenomeno è sottolineato per ragioni pratiche. “È molto difficile portare qualcuno dall’altra parte del mondo” Decrittografa un funzionario della curia, In particolare, prosegue, quello “Quando assumi un italiano, se non rientra nel conto, è molto facile mandarlo a casa.Con uno sconosciuto, questo è quasi impossibile. Per non parlare dei laici emigrati a Roma con le loro famiglie…”

Successivamente, la resistenza viene anche dai non italiani. “Francamente, non ho più alcun desiderio ora di mandare un prete a Roma. affida a un vescovo francese. Nella mia diocesi i numeri sono ridotti e ho bisogno di tutti. » In passato, Roma ha potuto fungere da valvola di sfogo quando si allontanavano i sacerdoti che incontravano difficoltà personali. “Per troppo tempo abbiamo mandato dei cattivi e non sappiamo cosa fare, concorda un altro funzionario francese. Nonostante ci rendiamo conto che la Curia è una macchina importante, soprattutto per dare una buona immagine della Chiesa di Francia, ne abbiamo bisogno di migliori nel nostro Paese. »

Effetti della nuova costituzione

La sovrarappresentanza degli italiani potrebbe aver trovato l’inizio di una soluzione riducendo la durata dei viaggi. Il principio è inscritto in nero su bianco Una nuova costituzione della Curia, Proclamare il Vangelo (“Predicare il Vangelo”). Dopo nove anni di attesa, ai primi di giugno è entrato in vigore il documento che definisce la struttura dell’amministrazione pontificia. Prevede il ritorno di sacerdoti e religiosi e religiose nei rispettivi territori, oltre un unico mandato quinquennale rinnovabile. Alcuni credono che questa riforma completerà l’internazionalizzazione del Vaticano.

READ  Rapublique domocratique du Congo | The corps de lambassadeur italien you dans une attakque rapatrié vers l'Italie

“Se usato fedelmente, può consentire l’invio dei sacerdoti a Roma per brevissimo tempo, mentre c’è garanzia della loro guarigione”. Analizzando un vescovo, prosegue: «In questo caso si può immaginare di integrare un tempo della Curia nella vita ordinaria di un sacerdote». In un dicastero, un religioso italiano commenta: “Dobbiamo vedere cosa porta. Cinque anni sono pochi. Per lavorare qui ci vuole esperienza. E, soprattutto, padroneggiare la lingua. » Lingua italiana.

————-

Segreteria Generale del Sinodo dei Vescovi

Creato nel 1965 dal Motu Proprio di Paolo VI Preoccupazione apostolica, il Sinodo dei Vescovi è uno strumento che permette al Papa di consultarsi con i Vescovi. Durante il Concilio Vaticano II, Paolo VI ha elogiato la comunione creata attraverso il confronto con i vescovi. Pertanto, ha voluto ampliare la sua esperienza e si è dotato dei mezzi per riunire i vescovi di tutto il mondo, ogni tre anni. Il Sinodo è quindi il secondo organo consultivo dopo il Collegio cardinalizio (o Sacro Collegio) risalente al XII secolo. Ma di fatto Paolo VI stava riprendendo l’antica tradizione della Chiesa, che è ancora presente nelle Chiese orientali. Papa Francesco ha gradualmente ampliato l’ambito dell’organizzazione, facendone uno strumento di consultazione di tutti i cattolici. Di recente, il “Segretariato generale del Sinodo dei Vescovi” è così diventato il “Segretariato generale dei Vescovi”.