Novembre 28, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

il linguista Luca Ceriani e lo scrittore e critico letterario Pietro Cittati

Il linguista di fama mondiale, accademico di Grusca (Accademia della Lingua Italiana), membro di Linzi, Luca Ceriani è morto il 21 luglio all’età di 74 anni dopo essere stato investito pochi giorni prima ad Ostia.

Nato a Roma nel 1947, dopo essersi laureato in lettere con Arico Castellani nel 1970, ha iniziato molto rapidamente la sua carriera accademica come professore di storia della lingua italiana presso le università di Siena, poi L’Aquila e Messina. Professore ordinario a Roma, dove ha insegnato dal 1980 al 2017.

Una passione per Dante e la lingua italiana

Negli ultimi anni ha vissuto ad Ostia, dove è stato molto attivo culturalmente e socialmente, tenendo conferenze su uno dei suoi argomenti preferiti, la Divina Commedia.

È autore di numerosi articoli e libri di grammatica, e durante la sua lunga carriera di insegnante (38 anni) ha indagato vari periodi e aspetti della storia linguistica italiana.

L’insegnamento come “servizio”.

Era amato dai suoi studenti (ne aveva 5.000), come dimostrano i suoi numerosi post sui social media. ” I prescelti come insegnanti scommettono sui loro studenti “, ha detto durante il suo intervento quel 2017, anno del suo ultimo convegno per la fine della sua carriera di professore. ” Nessuno scelto come insegnante può permettersi il lusso della disperazione ».

Infatti, secondo Anza, riteneva ” La sua professione è un servizio, un dovere costituzionale, un mandato ai suoi studenti “. E lui ha detto: Per me, ragazzi, rappresentate lo Stato”.

Critico letterario militante

Un altro famoso italiano è morto il 27 luglio. È lo scrittore, saggista e critico letterario Pietro Cittati, 92 anni.

READ  Perché i Blues dovrebbero diffidare della trappola italiana nei quarti di finale

Nato a Firenze nel 1930, trascorse l’infanzia e la giovinezza a Torino. Si è laureato all’Ordinariato in Lettere Moderne di Pisa e ha collaborato come critico a prestigiose riviste. Punto, atterraggio E confronto. In seguito ha collaborato con i giornali Il Giorno, Il Corriere della sera E Repubblica Come critico militante.

Autore e biografo

Cittati dedicò la sua vita alla lettura e alla scrittura, soprattutto del mondo antico, e scrivendo biografie di grandi letterati, da Manzoni a Kafka, da Goethe a Tolstoj.

Il suo lavoro è stato premiato con numerosi premi. Nel 1970 ha ricevuto il Viareggio (prestigioso premio letterario italiano). Goethe (Montadori) e nel 1984 con il Premio Strega Tolstoj, Pubblicato da Longanesi (oggi sul catalogo Adelphi). Nel 1991 gli è stato conferito il Prix Médecins Étrangers Una storia felice, poi dolorosa e devastantePubblicato da Callimard nel 1991 e tradotto da Brigitte Perol.

Filosofo amico degli scrittori

Affermato nel mondo dell’editoria e della critica stampa in Italia, divenne anche il braccio destro di Carlo Emilio Gada, come apprendiamo dall’epistolario edito da Adelphi.

Come filologo e presidente, ha lavorato per la Fondazione Valla, che per molti anni ha ripubblicato i migliori testi del mondo classico (latino e greco) in edizioni linguisticamente accurate.

Alcuni suoi scritti sono stati raccolti e pubblicati nel 2006 in un Meritiano (un’edizione più prestigiosa e raffinata è stata pubblicata da Mondatori e ispirata a Pleiade), Civiltà letteraria europeaA cura di Paolo Lagazzi e disegnato dall’autore.

Credito fotografico: via Luca Ceriani Twitter