Novembre 26, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il James Webb Telescope solleva un vero e proprio “mistero” sulla formazione delle prime galassie

Il nuovo James Webb Space Telescope ha già scosso la comprensione scientifica dell’universo.

Tempo di lettura: 3 minuti

IlLe prime galassie potrebbero essersi formate prima di quanto gli astronomi pensassero in precedenza, secondo le prime osservazioni del nuovo James Webb Space Telescope, che in pochi mesi ha scosso la comprensione scientifica dell’universo.

“In qualche modo, l’universo è riuscito a formare le galassie più velocemente e prima di quanto pensassimo”, ha detto Tommaso Treu, professore di astronomia all’UCLA.

Uno dei compiti principali del James Webb Telescope, che è al suo quinto mese di osservazioni, è quello di studiare le prime galassie che si sono formate dopo il Big Bang, avvenuto 13,8 miliardi di anni fa. Sulla base di elaborati modelli cosmologici, gli scienziati hanno pensato che trovarli “avrebbe richiesto del tempo”, ha detto l’astrofisico Cihan Kartaltepe.

Tuttavia, in pochi mesi, James Webb ha già identificato diverse nuove galassie giovani, inclusa una che esisteva solo 350 milioni di anni dopo il Big Bang, 50 milioni di anni in meno rispetto al record precedente. Jeyhan Kartaltepe ha commentato: “È una sorpresa che ci siano così tanti che si sono formati così presto”.

“un vero mistero”

Oltre al loro numero, c’è una cosa che ha stupito gli scienziati: la loro grande lucentezza. “Arriviamo immediatamente alla conclusione che sono enormi, e questo solleva un vero mistero: come sono riusciti a formare così tante stelle in così poco tempo?” ha riassunto Garth Illingworth, dell’Università della California, Santa Cruz.

Per poterlo fare, “queste galassie devono aver iniziato a formarsi forse solo 100 milioni di anni dopo il Big Bang”, ha spiegato. “Nessuno avrebbe creduto che i secoli bui sarebbero finiti così presto.” Un’ipotesi alternativa potrebbe essere che queste galassie ospitino effettivamente le cosiddette 3 stelle, che sono molto diverse da quelle che conosciamo. Queste prime stelle, insolitamente luminose, erano finora solo teoriche, non osservate.

Le incredibili capacità del James Webb Telescope hanno anche rivelato l’aspetto di alcune di queste galassie. “Il nostro team è rimasto scioccato dall’essere in grado di misurare l’aspetto di queste prime galassie”, ha detto Erika Nelson dell’Università del Colorado in una dichiarazione alla NASA. I loro dischi silenziosi e ordinati sfidano la nostra comprensione di come si sono formate le prime galassie in un universo caotico e caotico. »

La distanza esatta di queste giovani galassie – comprese quelle da record – dovrebbe essere confermata in futuro grazie alle analisi spettrali, fatte anche con James Webb. Ma comunque, grazie a questo nuovo osservatorio, “siamo davvero sulla buona strada per realizzare questo sogno di comprendere le galassie dei primi tempi”, esclama Garth Illingworth.

READ  Materiali, indipendenza, notizie... cosa sappiamo di questi orologi connessi