Dicembre 1, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il James Webb Telescope “si apre a parti della nostra realtà cosmica”, secondo il fisico Christoph Galvard

Tornare indietro nel tempo e superare i confini della conoscenza: questa è la promessa di James Webb, il telescopio più potente mai costruito. fisico e scrittore francese Cristoforo Galvardallievo e collaboratore del grande astrofisico Stephen Hawking, Testimonia nel documentario James Webb, Viaggio alle origini dell’universoin onda giovedì 13 ottobre, alle 21 guarda in Francia 5. Il mondo ci dà le loro impressioni su questo meraviglioso strumento.

Informazioni sulla Francia : Ciò che ti stupisce di più di James Webb ?

Cristoforo Galvard : Onestamente, quasi tutta l’immaginazione collettiva che abbiamo sullo spazio è collegata alle immagini che ci ha fornito il telescopio Hubble. Ha cambiato la nostra visione dell’universo. Lì, con James Webb, siamo nella prossima generazione. Grazie a lei abbiamo nuove immagini di straordinaria bellezza, che ci aprono sezioni della nostra realtà cosmica che finora non sono state scoperte perché invisibili e non rilevabili. Questo è così pazzo.

Per te che sei interessato a divulgare la scienza, James Webb è uno strumento essenziale nella tua ricerca ?

Ah si, perché le immagini che ci permettono di ottenere dall’universo sono meravigliose e mi permettono, durante le conferenze, di spiegare tante cose. Quindi da un punto di vista personale è molto interessante esporsi in luoghi così remoti in così tanti dettagli. Vediamo persino la polvere dei buchi neri in galassie molto distanti. È pazzesco, e non solo per il grande pubblico, ma anche per gli scienziati. Perché prima di Hubble, nessuno scienziato aveva visto immagini del genere. È davvero un dono che l’umanità sta facendo a se stessa oggi possedendo queste meravigliose immagini.

READ  L'activité physique régulière protetto dalle infezioni respiratorie

Gli scienziati stanno lavorando su queste immagini? ?

No, i data scientist su cui stanno lavorando non sono le immagini stesse. Possono essere utilizzati, ma i dati grezzi hanno una forma più crittografata. Questi sono grandi fogli di calcolo. scatti originali Restaurato da James Webb Non letto, è necessario molto lavoro per far sembrare le foto quei bellissimi scatti che possiamo ammirare oggi. Inoltre, in origine, i colori, detti onde elettromagnetiche, visibili o meno ai nostri occhi, arrivano dallo spazio uno ad uno e vengono rilevati indipendentemente l’uno dall’altro. Mentre, quando guardiamo un’immagine, abbiamo tutti i colori sovrapposti contemporaneamente.

Gli scienziati saranno in grado di progettare un telescopio più potente ?

naturalmente. Eccoci di nuovo su un telescopio che utilizza la luce che i nostri occhi non possono vedere, chiamata luce infrarossa. Ma ci sono telescopi che saranno in grado di vedere oltre l’infrarosso e saranno in grado di vedere particelle e altri segnali che sono in grado di attraversare lo spazio e anche tempi precedenti. Non ci siamo ancora arrivati, ma gli scienziati stanno già lavorando alla fase successiva, anche se stanno ancora analizzando ciò che James Webb può portare, perché stiamo appena iniziando a sfruttarlo.

Pensi che James Webb sarà in grado di scoprire la vita extraterrestre ?

James Webb ha una tale sensibilità che ci permetterà di analizzare le atmosfere di pianeti lontani, come mai prima d’ora. Ciò significa che stiamo iniziando a disporre di strumenti che ci aiuteranno a rilevare i segnali molecolari provenienti da cose su altri pianeti. Inoltre, una delle prime cinque immagini di James Webb che abbiamo scoperto quest’estate era specificamente legata all’atmosfera. Dimostra che possiamo farlo, quindi per rispondere alla tua domanda, sì, è del tutto possibile.

READ  Florent Bagni malato di cancro: le ultime notizie sul suo stato di salute!